«Basta con questi ebrei»: la conduttrice di “Fahrenheit” divulga i commenti choc di alcuni ascoltatori

sabato 23 febbraio 14:43 - di Redazione

La conduttrice del programma culturale Fahrenheit su Radio Tre Loredana Lipperini denuncia l’intolleranza di alcuni ascoltatori nei confronti degli ebrei. Ieri durante la puntata si è parlato di Primo Levi. Sono arrivati alla redazione alcuni messaggi di chi diceva «basta con questi ebrei» oppure «dovete fare cultura, non politica». Ma la conduttrice racconta in un post su Facebook come lei e il resto della redazione abbiano scelto di leggere comunque i messaggi, di pubblicarli. «Perché questa è la realtà, scrive. Ed è indispensabile conoscerla…per combatterla».

«La platea dell’odio si allarga»

«Abbiamo parlato dunque di Primo Levi . scrive la LIpeprini – e  sinoo arrivati messaggi di chi diceva “basta con questi ebrei” e “dovete fare cultura, non politica”. Rispetto a qualche anno fa, un peggioramento: questi sms arrivavano quando parlavamo di rom. Dunque la platea dell’odio si allarga. Comunque li ho letti, li abbiamo pubblicati. Non è tolleranza, è esposizione della realtà. Questi sono ascoltatori di radio tre. Amano i libri e la musica, ma non vogliono sentir parlare di ebrei. Che piaccia o no, è la realtà, e penso sia indispensabile conoscerla. Per quanto mi riguarda, dismessi i panni della conduttrice, aggiungo: per combatterla».

«Atti di antisemitismo sempre più ferquenti»

Dalla  Comunità Ebraica di Roma fanno notare che «gli atti di antisemitismo sono sempre più frequenti e provenienti da ambienti dove si riteneva che l’antisemitismo non avesse ancora preso piede. Come se il lavoro sulla memoria di questi anni non fosse mai stato fatto. I social, poi, sono diventati lo strumento peggiore attraverso cui diffondere le tesi più assurde senza alcun controllo, nonostante le denunce fatte in questi anni».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • lamberto lari 25 febbraio 2019

    Ma questi giornalisti non si rendono conto che sono loro con la loro cantilena costante asfissiante quotidiana, più volte al giorno in tutte le trasmissioni radiotelevisive, sui blog, sui social e chi più ne ha più ne metta, sono loro con finti opinionisti che invitano a turno sui vari troni, sono loro che insieme ai filosofi e pensatori, ai sociologi schierati e qui l’elenco è infinito…..propinano la purga del finto buonismo, del finto antirazzismo, del finto antifascismo…….non sono mai stato razzista e tantomeno fascista (termine oramai obsoleto anche se non da dimenticare) nonostante le terapie di massa audio-video che sono costretto a subire come una tortura in un lagher, ho solo idee di libertà diverse ma pur sempre di libertà non identica alla loro non con una divisa colo caki e un librettino rosso in mano e la stella rossa sul berretto. Basta i seminatori di odio razziale e religioso, si alla libertà quella vera a cui la gente brama reagendo in modo scomposto alle provocazioni soprattutto a quelle istigate da una pletora sempre più incalzante di questi sciagurati che con l’arma, oggi solo apparentemente pacifica, la comunicazione, puntano al lavaggio del cervello delle moltitudini che a furia di sentirsi ripetere e ripetere fino alla nausea certi messaggi magari ci credono!!!

    • Francesco Storace 28 febbraio 2019

      Sono finti

  • Eugenio 24 febbraio 2019

    Come al solito la gente generalizza…. odiano la grande finanza che ci sta massacrando, la grande finanza é formata prevalentemente di ebrei, quindi odiano gli ebrei…. sbagliatissimo, come sempre generalizzare, ma a volte comprensibile.

    • Francesco Storace 28 febbraio 2019

      È una società dal pensiero facile

    In evidenza

    contatore di accessi