A Parigi 2024 no al karate, sì alla breakdance: le Olimpiadi petalose che piacciono a Macron

lunedì 25 febbraio 15:08 - di Carlo Marini

Via gli sport di contatto dalle Olimpiadi per far entrare attività spettacolari, coreografiche, che con lo spirito di Atene c’entrano ben poco. Le ultime notizie dal Cio sono allarmanti: a Tokyo 2020 rischia di saltare il pugilato, mentre per i Giochi olimpici di Parigi 2024 fortemente sostenuti dal Macron salta il karate. Al suo posto? Tenetevi forte: farà il suo debutto la breakdance. Altre tre discipline fortemente caldeggiate dagli organizzatori sono arrampicata, surf e skateboard. Gli altri tre sport proposti sono già nel programma scelto da Tokyo 2020. A spingere Parigi a queste indicazioni è stata, secondo Le Parisien la voglia di coinvolgere giovani appassionati e la necessità di non costruire altri impianti. Scalata e Breakdance dovrebbero svolgersi nel centro di Parigi, in prossimità di luoghi simbolo della Ville Lumiere. Breakdance e arrampicata sportiva hanno già fatto la loro apparizione alle Olimpiadi giovanili 2018, a Buenos Aires. Dimenticate quindi le Olimpiadi come metafora della guerra, diventano simbolo di una civiltà urbana. Se le proposte di Parigi 2024 dovessero essere accolte dal Cio, rispetto ai Giochi del prossimo anno sparirebbero dal programma a 5 cerchi softball e karate. Gli organizzatori francesi hanno giustificato la scelta in questi termini: «Per dare alle Olimpiadi una dimensione più urbana, più naturalistica, più artistica». Insomma, più petalosa.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi