Venezuela, Giorgia Meloni sferza la Lega: «Il governo non sia ostaggio del M5S»

sabato 26 gennaio 20:45 - di Carmine Crocco

Venezuela, Giorgia Meloni sferza la Lega. «Il vicepremier Matteo Salvini si augura che anche il governo italiano abbandoni il dittatore comunista Maduro. Fratelli d’Italia lo chiede da giorni: il governo non sia ostaggio del terzomondismo M5S e l’Italia riconosca Juan Guaidó Presidente del Venezuela». Il presidente di Fratelli d’Italia  lo scrive su Twitter.

Di Battista a Salvini: «Sul Venezuela hai una linea ridicola»

L’intervento di Giorgia Meloni ha messo il dito nella piaga delle divergenze emerse tra Lega e M5S sul caso Venezeala, divergenze amerse al più alto livello, È di questo pomeriggio lo scontro tra Salvini e Di Battista. «Spero che il governo italiano  abbandoni ogni prudenza e sostenga il popolo venezuelano che ha il diritto a libere elezioni e alla democrazia e lo dico perché vi sono tanti italiani in Venezuela che stanno soffrendo». Queste la posizione espressa  da Salvini  incontrando i giornalisti a un gazebo della Lega a Milano. «Maduro – ha spiegato Salvini – sta piegando con la violenza e la fame un popolo». Dura la replica  di  Di Battista: in un post su Facebook, ha attaccato a testa bassa il leader leghista.«Mi meraviglio di Salvini che fa il sovranista a parole ma poi avalla, come un Macron o un Saviano qualsiasi, una linea ridicola».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 28 gennaio 2019

    Nessuna sorpresa, i dittatori e i boia comunisti hanno molte simpatie in Italia, basta vedere le migliaia di strade e piazze intitolate ai peggiori protagonisti dei massacri comunisti dal 1917.

  • sergio la terza 28 gennaio 2019

    Xche continuare a nominare Diba,chi è,NESSUNO.

  • MICHELE RICCIARDI 27 gennaio 2019

    27 Gennaio 2019 — Oggi, giorno della memoria, mi vengono in mente, con rabbia, le leggi razziali (Settembre 1938) che dettero inizio al declino del fascismo positivo (dal 1926 al 1938), perchè poi: credere obbedire combattere; l’alleanza con Hitler; la guerra; la Resistenza; la RSI e, la crudele e logica conclusione di piazzale Loreto. — Perchè continuare a curare l’albero Italia se sappiamo che il male è alle radici… Santo Dio Santo forte Santo immortale, se ritorni, non avere pietà di noi e del mondo intero.

  • In evidenza