Uccise il suo stupratore, graziata Cyntoia. Anche Giorgia Meloni intervenne per lei

martedì 8 gennaio 15:48 - di Penelope Corrado

Bill Haslam, governatore repubblicano del Tennessee, ha concesso la grazia a Cyntoia Brown, la giovane schiava sessuale che stava scontando l’ergastolo per aver ucciso il suo stupratore quando aveva 16 anni. La giovane, che è in carcere dal 2003 e che oggi ha 30 anni, verrà scarcerata dal carcere femminile di Nashville il 7 agosto e resterà in libertà vigilata per dieci anni.

Sul web c’è stata una grande mobilitazione per Cyntoia

Cyntoia ha ringraziato il governatore «per l’atto di clemenza», aggiungendo che farà «di tutto per meritare la fiducia riposta in me». Brown ha aggiunto che «con l’aiuto di Dio si impegnerà a vivere il resto della vita aiutando gli altri, specialmente i giovani». Cyntoia che all’età di 16 anni uccise il suo stupratore che la costringeva a prostituirsi, fu giudicata dal tribunale come una adulta. Sono molti i vipi che negli ultimi tempi hanno chiesto la libertà per la giovane americana. Da Rihanna a LeBron James, da Cara Delevingne a Kim Kardashian.

Cyntoia, 16 anni, drogata, stuprata e ceduta ad altri

Tra le prime celebrità a scendere in “campo” per Cyntoia c’era stata Rihanna. La popstar aveva condiviso il lungo messaggio della ragazza: «Immagina di essere stata costretta alla prostituzione a 16 anni da un pappone soprannominato “taglia-gola”. Dopo giorni in cui sei stata ripetutamente drogata e stuprata da uomini diversi, vieni acquistata da un predatore sessuale di bambini che ti porta a casa sua per usarti per il sesso. Finisce che trovi abbastanza coraggio per lottare, gli spari e lo uccidi. Vieni arrestata e conseguentemente processata e condannata come un’adulta a passare tutta la vita in prigione. Questa è la storia di Cyntoia Brown. Potrà chiedere la libertà condizionale quando avrà 69 anni».

La battaglia di Giorgia Meloni per Cytntoia

In Italia, nel novembre 2017, Giorgia Meloni ha scelto la vigilia della giornata contro la violenza sulle donne e contro il femminicidio per ricordare Cyntoia. «Quando era una ragazzina di 16 anni, Cyntonia Brown ha ucciso il suo aguzzino che la violentava e la costringeva a prostituirsi. Invece di darle una medaglia – ha scritto sulla sua pagina Facebook la leader di Fratelli d’Italia – negli Stati Uniti è stata condannata all’ergastolo. Ora dopo 13 anni si sono finalmente accesi i riflettori su questa ingiustizia ed è partita una campagna di sensibilizzazione per liberare questa giovane donna coraggiosa. Vi invito tutti a farci sentire anche dall’Italia freeCyntoia Brown.Perché la difesa è sempre legittima, ancor di più contro un bastardo vigliacco che abusa di una bambina». Una battaglia vinta anche dai tanti italiani che hanno condiviso l’iniziativa della Meloni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza