Tentano di stuprare una ragazza all’alba: a Grosseto è caccia a due africani

martedì 8 gennaio 14:17 - di Giovanni Pasero

Una ragazza è stata aggredita lunedì all’alba alla periferia di Grosseto da due africani, che hanno tentato di violentarla. La giovane, 25 anni, grossetana, stava andando al lavoro quando i due uomini le hanno teso l’agguato. Uno l’ha scaraventata a terra, mentre l’altro ha iniziato a denudarla. La giovane si è però difesa con tutte le forze centrandone uno al basso ventre con un violento calcio. Solo l’arrivo provvidenziale di un’auto ha messo in fuga gli aggressori. I due sono scappati a piedi nella campagna circostante. Indagini e ricerche dei carabinieri sono tuttora in corso.

“Anche a Grosseto è emergenza”

“Un fatto di inaudita violenza quello che è accaduto alla donna grossetana, aggredita stamani mentre si recava a lavoro e adesso anche Grosseto si sveglia nel quadro nazionale di emergenza che in più occasioni abbiamo denunciato”. Così in una nota il gruppo consiliare Fratelli d’Italia al comune di Grosseto e i suoi assessori Fabrizio Rossi, Simona Petrucci, Bruno Ceccherini e Andrea Guidoni. “Esprimiamo la nostra piena solidarietà e vicinanza, – continua la nota a firma degli assessori Fabrizio Rossi e Simona Petrucci e dai consiglieri comunali Andrea Guidoni e Bruno Ceccherini – alla vittima di questa inaudita violenza. E’ un atto gravissimo quello che si è consumato alle 7 della mattina in una zona periferica della città”. “Qualsiasi cittadino, – continuano – ha il diritto di circolare liberamente e soprattutto in sicurezza per le vie della nostra città. Questo tipo di violenza non può essere accettata e non fa parte della nostra cultura”.

Fratelli d’Italia: “Servono norme più severe”

“Fratelli d’Italia – prosegue la nota – farà di tutto e vigilerà affinché la nostra Grosseto sia una città sicura e tranquilla, considerato che si moltiplicano episodi legati all’immigrazione incontrollata in tutta Italia. Ma anche questa volta dobbiamo registrare che si presume essere gli autori, coloro che sono ospiti nel nostro paese, ma che non si comportano come tali, rispettando la nostra cultura e rispettando le nostre leggi. Servono normative più severe in tema di immigrazione ed espulsioni certe. All’uopo il vero nodo non risolto, neppure da questo governo al momento, sono le norme per espulsioni immediate anche in caso di semplice presenza in Italia senza documenti o domicilio quanto meno accertato: figuriamoci se hanno commesso reati seppur depenalizzati, in materia di sostanze stupefacenti o più gravi. Coloro che si trovano illegalmente nel nostro Paese, al primo reato, devono essere accompagnati nel loro paese di origine, altrimenti – conclude Fratelli d’Italia – non basterà il blocco dei porti, sarà necessario il blocco navale per frenare incisivamente gli arrivi e la permanenza sul nostro suolo di immigrati clandestini”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi