Operaio morto a Fiumicino, Capone: «La sicurezza sul lavoro deve diventare una priorità»

martedì 15 gennaio 17:58 - di Redazione

L’Ugl esprime cordoglio e vicinanza per l’operaio che stamattina ha perso la vita cadendo da una scala e facendo un volo di 40 metri. Una tragedia che lascia basiti dopo un 2018 in cui si è registrato un aumento delle morti bianche del 10%.” Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’Ugl, in merito all’incidente che ha coinvolto l’uomo di 47 anni morto a Fiumicino.

«Lavorare  per vivere»

“La sicurezza sul lavoro deve costituire una priorità per le aziende che devono formare i lavoratori al fine di svolgere in sicurezza i propri compiti e ridurre così i rischi. Inoltre, è fondamentale investire in una modernizzazione costante delle apparecchiature che diventano obsolete nel corso del tempo. L’Ugl continuerà, anche nel 2019, il suo tour ‘Lavorare per Vivere’ volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza sui luoghi di lavoro.”

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza