Il ministro della Giustizia posta su Fb la cattura di Battisti. Pd e Forza Italia protestano (video)

martedì 15 gennaio 19:52 - di Davide Ventola

Agita le acque del mondo politico il video di Alfredo Bonafede, che documenta larresto di Cesare Battisti. Un filmato della durata di meno di quattro minuti che racconta l’arresto del terrorista rosso. Il video s’intitola “una giornata che difficilmente dimenticheremo!”. Le immagini sono accompagnate da una sequenza musicale. In pratica si tratta della ricostruzione dei momenti ritenuti salienti della giornata di ieri. Gli attimi, cioè, in cui il latitante viene ripreso mentre scende dall’aereo e mentre viene condotto in custodia. Una sequela che, però, non è piaciuta agli utenti Facebook, che hanno trovato di cattivo gusto la pubblicazione del video. “Che schifo! Questo montaggio con musica emozionale è da subumani. Rispetto per la dignità delle persone, non siamo al ritorno in studio dalla Playa dell’Isola dei famosi! Vergogna”, si legge in uno dei post.

Carfagna: “Bonafede trasforma la giustizia in un B-Movie”

«Il Guardasigilli trasforma la giustizia in un b-movie. Questo video squalifica le istituzioni e il ruolo – delicatissimo – del ministro della Giustizia». Così Mara Carfagna, deputata di Forza Italia e vicepresidente della Camera. «Una vergogna per le istituzioni italiane», scrive su Twitter Matteo Richetti del Pd.

“Battisti esibito come un trofeo di caccia”

Gli fa eco il compagno di partito, Walter Verini, responsabile Pd Giustizia e componente della Commissione Giustizia della Camera. «Il video postato dal Ministro della Giustizia e lo spettacolo dato dal Ministro dell’Interno sulle fasi dell’arrivo del latitante Battisti sono degni di una repubblica delle banane, non di un Paese civile». «L’arresto di un terrorista pluriomicida come Battisti – continua – e la sua estradizione sono stati un risultato frutto dell’impegno delle istituzioni italiane, delle forze di intelligence e sicurezza, dei governi che si sono succeduti negli anni». «Spettacolarizzare quella vicenda, farne una occasione di volgare propaganda, esibire qualunque persona – sia pure un pluricondannato all’ergastolo – come un trofeo di caccia è stato un comportamento vergognoso, da parte di persone che hanno giurato sulla Costituzione ma la calpestano ogni giorno», conclude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura 52 16 gennaio 2019

    Forse queste reazioni sono dovute al fatto che loro non sono riusciti ad ottenere l’estradizione quando erano al governo?

  • Edoardo Serata 16 gennaio 2019

    Battisti, già quando è sceso dall’areo proveniente dall Bolivia avrebbe dovuto portare le manette ai polsi, per cui gli è stato concesso un privilegio rispetto ad altri criminali del suo livello,in considerazione del fatto che che questo schifoso individuo non ha mai avuto alcun riguatrdo, né pietà nei confronti delle sue vittime inermi.
    In secundis il ministro Salvini dovrebbe dare disposizioni ai vertici delle Forze dell’ Ordine , alle quali dobbiamo essere giornalmente grati, di mostrare i criminali ammanettati:: è un deterrente che può far riflettere………. Daltronde il democraticissimo popolo degli Stati Uniti- di cui ci riempi la bocca pechè hanno loberato l’Europa dal nazi-fascismo, ammanetta i dcriminali mani e piedi. Se ciò fosse stato fatto anche in Italia ieri sera un deliquente egizioano non sarebbe potiuto fuggire dall’aereo che lo stava rimpatriando.
    Grazie per l’attenzione. Distinti saluti,

  • In evidenza