Satana, spopola la satira di Crozza. Ma Buttafuoco demolisce i bigotti laici (video)

martedì 11 dicembre 16:27 - di Lisa Turri

Non finiscono di andare in scena le grandi risate su quanto detto da Cristiano Ceresani, capo di gabinetto del ministro della Famiglia, il troppo cattolico Lorenzo Fontana, a proposito di Satana e della devastazione del pianeta. Sui social rimbalza da un account all’altro il video di Maurizio Crozza che, complice Fabio Fazio a Che tempo che fa, tratta Ceresani come un povero mentecatto intriso di superstizioni.  “Secondo Ceresani Satana sarebbe sceso sulla terra su un furgone Euro 1 Diesel con il climatizzatore a manetta fumando e bruciando la plastica…”. E giù risate a crepapelle, ignorando il fatto che per i credenti Satana non è proprio un soggetto da gag, basterebbe ricordare i numerosi accenni alla sua esistenza avvenuti anche sotto il pontificato di Paolo VI, per non parlare delle volte in cui è stato nominato anche da un papa ritenuto progressista come quello attuale.

Si sorvola sul fatto che Ceresani, nel suo discorso a Uno Mattina, stava parlando di un libro, Kerygma. Il Vangelo degli ultimi giorni, e che le sue parole si riferivano alla storia umana che, come insegna la teologia cattolica fin dai tempi di Sant’Agostino, si svolge dopo la Caduta. La storia della “citta terrena” è dunque anche una storia di decadenza, di degrado del Creato (di qui l’evocazione di temi ecologici) e di corruzione spirituale, perché alla sua origine vi è l’allontanamento dell’uomo da Dio (peccato originale). Nulla di strano per un cattolico, nulla di fantasioso per un credente. Si può senz’altro dire che Ceresani ha utilizzato toni e temi apocalittici, ma non certo trattarlo alla stregua di un paranoico su cui tessere barzellette.

Ecco comunque cosa ha detto veramente Ceresani: “Nell’uomo agiscono forze trascendenti, nel cuore dell’uomo agisce la tentazione, io nel libro cerco di spiegare come il fatto che Satana, negli ultimi tempi che precedono la Parusia, sarà scagliato sulla Terra con grande furore, sapendo che gli resta poco tempo proprio per prendere di mira il creato e la creazione, è un dato teologico. (…) Perché andando a leggere nelle Scritture questo tema dello sconvolgimento finale viene evocato? Lo paragono a quel che accade oggi, e quel che accade oggi è qualcosa di totalmente inedito nella storia dell’umanità, che non è mai accaduto“.

Contro i bigotti laici che si danno di gomito ironizzando sulle parole di Ceresani ha scritto sul Tempo Pietrangelo Buttafuoco: “Cerasani parla e si aprono le cataratte dal cielo plumbeo della volta conformista… cosa ne sarebbe del dott. Cerasani se invece che capo gabinetto di Fontana fosse ancora quello che era appena poco tempo fa, ovvero il capo dell’ufficio legislativo di Maria Elena Boschi? Di certo non se ne sarebbe fatto, intorno a lui, un rogo. Non sarebbe oggi il capro espiatorio del lavacro laicista. E come ogni matricolino, al seguito di un suo Faust, scorgendo nell’anticamera del ministero qualunque Mefistofele, il dott. Cerasani, potrebbe chiedergli: “E che cosa vuoi tu darmi, povero diavolo?””.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paola 12 dicembre 2018

    Che spettacolo osceno e pietoso. A parte le parolacce ma chi cavolo si crede questo Crozza?….. il sacerdote del laicismo? Con il compiacimento di Fazio che ha invece il ruolo del vescovo del laicismo che da la benedizione al poveraccio Crozza…… se gli italiani sono piu’ intolleranti verso gli extra-comunitari-immigranti ILLEGALI lo dobbiamo al caro patto scellerato del Renzi con l’Europa e denunciato dalla Bonino. Meno male che c’e’ chi ha ancora Fede che il problema dell’immigrazione clandestina in Italia si possa risolvere per non ritrovarci come GB, Svezia, Francia, Germania ecc ecc. solo chi crede nei miracoli puo’ sperare che ci si possa salvare da un’Europa dittatoriale, illogica a cui manca il minimo buon senso (anche in temi di ambiente). Sicuramente manca alle ‘elite’ e al Fazio e al Crozza, meno male che siamo ancora in molti ad averlo mantenuto in Italia…….e grazie anche alla Fede che Crozza prende in giro…pagato con i soldi dei contribuenti… Ride bene chi ride ultimo!

  • Guido 12 dicembre 2018

    Certo che se uno crede ai miracoli puo’ benissimo credere all’inquinamento satanico. Poi la realta’ e’ un’altra cosa.

  • ADRIANO AGOSTINI 12 dicembre 2018

    Io sono credente e non guardo più Crozza, che devo dire che è bravo, da quando ha fatto la parodia del Padre Nostro. Sarò bigotto ma non piace la satira sulla religione. La puoi fare sugli uomini ma non sulla religione.

  • pincottin de pincottini 12 dicembre 2018

    crozza ha scocciato, per non dire rotto

  • Lino 12 dicembre 2018

    Ma no Italo …… questo è troppo …… ma dai …. se non venisse da ridere ci sarebbe di che discutere. Quanto mi piacerebbe che si trattassero argomenti seri (magari anche a proposito dell’inquinamento) e ci fossero discussioni un po’ più moderne (nel senso di attualità e ricaduta sulle persone). A meno che davvero la posizione ufficiale dell’organo di informazione della Destra sia la paura si Satana…… ma lo sapete cosa sta accadendo nella ricerca dell’infinitamente piccolo? E di quali implicazioni avrà sulla nostra vita? Ah… no. Il problema è Satana….. salutoni. L.G.

  • In evidenza

    contatore di accessi