Tiburtina come il Bronx, spinta a terra e rapinata da un immigrato. I residenti: siamo circondati

lunedì 12 novembre 11:19 - di Martino Della Costa

In tutta l’area limitrofa alla Stazione Tiburtina c’è paura: la tensione quotidiana con cui si vive nella zona, presidiata da insediamenti di immigrati e clandestini, la fa ormai da padrona dopo aver trasformato il quartiere che ruota intorno lo scalo ferroviario in un Bronx a cielo aperto, ennesimo porto franco di sbandati, emarginati e criminali. Oggi poi, dopo l’ennesima aggressione subita da un donna – riportata, tra gli altri, dal Messaggero online – allo choc si aggiungono indignazione e rabbia, sentimenti arrivati al colmo della sopportazione da far arrivare i residenti, stanchi e impauriti, a denunciare: «siamo presidiati»…

Stazione Tiburtina, violenta rapina per pochi euro

E presidiati, in quella zona, lo sono davvero: nugoli di extracomunitari occupano angoli delle strade e marciapiedi; slarghi e panchine pubbliche. Deve essere stato da uno di questi anfratti più o meno riparati che un uomo, uno straniero , è sbucato all’improvviso cogliendo di sorpresa l’ennesima vittima casuale dell’ultima aggressione violenta. Il rapinatore ha colto la donna alle spalle, l’ha strattonata e spinta a terra, quindi, una volta messa in difficoltà, l’ha scippata scappando poi con un magro bottino: tanta violenza per qualche spiccio insomma…

Paura tra i residenti: «Siamo presidiati»

«La rapina – spiega il quotidiano capitolino – è accaduta su un tratto di via Arduino, poco distante da un magazzino di gomme, e alcuni passanti hanno soccorso la donna impaurita e tremante. Sul posto sono accorsi una volante della polizia e il personale di un’ambulanza. Fortunatamente la vittima, anche se ha sbattuto sull’asfalto, se l’è cavata con qualche escoriazione». E tanta paura: già, ancora tanta paura… DNon per niente in quel popoloso quartiere, come scrive sempre il Messagero, «c‘è preoccupazione per questa escalation di rapine e aggressioni. Intorno alla Stazione, nelle vie limitrofe, nei sottopassi, bivaccano notte e giorno extracomunitari, non solo ospiti del centro ex Baobab. La donna rapinata ha sporto denuncia al commissariato di zona: qui le sono state mostrate una serie di foto di pregiudicati di colore, già arrestati dalle forze dell’ordine». Ma la vittima della rapina sembra non abbia riconosciuto l’aggressore.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pensionato 12 novembre 2018

    Sono pensionato e “credevo” di essere nativo di modena . Sono costretto a piedi o in autobus
    perche’ il mio euro 3 non puo’ circolare quindi circondato solo da esseri che girano e parlano
    in tante lingue diverse sconosciute . Mi sembra di assere all’estero ma non so’ in quale nazione .
    Dicono che gli stranieri sono il 15% ma e’ una balla . . . in emilia sono molti di piu’ .
    Sono a disagio e sto’ pensando di emigrare in un posto meno “affollato” e piu’ somigliante
    all’ ITALIA di 40-50 anni fa per viverci e morirci serenamente . Questa e’ una resa e mi fa’ male
    ma il tempo che spero di avere e’ poco e qua’ se ne fregano dei modenesi e continuano
    con le loro politiche disfattiste . Spero solo che tutti quelli che hanno causato tali malessere
    e disastro tornino da dove sono venuti cioe’ l’inferno : ottavo cerchio nona bolgia .

  • bob 12 novembre 2018

    questi galantuomini andrebbero portati a casa di fiano e della boldrini. E qualcuno anche in vaticano…

  • Caesar 12 novembre 2018

    Degrado continuo, paese trasformato in una fogna da immigrazione incontrollata.
    Pulizia e tolleranza zero.

  • Lisetta Serra 12 novembre 2018

    Siamo in guerra e come in tutte le guerre abbiamo bisogno di essere difesi in casa nostra. Ci vuole l’esercito a presidiare tutte le zone a rischio in Italia.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica