Meloni: sì al decreto sicurezza. Ma lo avremmo preferito più incisivo (video)

venerdì 2 novembre 23:59 - di Antonio Pannullo

In una lunga diretta facebook la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni fa il resoconto agli elettori e a tutti gli italiani della azione politica di Fratelli d’Italia, segnatamente sul decreto sicurezza e immigrazione che lunedì approderà al Senato. Ma prima la Meloni ha stigmatizzato duramente l’assenza dello Stato al funerale di Desirèe, la 16enne brutalmente violentata e poi assassinata d aun gruppo di immigrati a San Lorenzo, augurandosi che in quel quartiere romano dominato dagli spacciatori venga inviato l’esercito a pattugliare le strade: “Le ruspe non sono sufficienti – ha detto la Meloni – ci vogliono le forze armate per ripulire la zona da anni in mano ai trafficanti”. E ha chiarito: “Sono stata al funerale di Desirèe, non c’era nessuna istituzione presente. Non c’era il presidente della Regione, il presidente della Camera o il presidente del Senato. Non c’era nessuno. Aspetto ancora che il presidente della Repubblica dica una parola sul caso di Desirèe, come aspetto che dica una parola sul caso di Pamela”. Certo il caso Desirée è strettamente collegato alla sicurezza e all’immigrazione, e sorprende che gli emendamenti presentati al decreto da Fratelli d’Italia siano stati respinti. “Li ripresenteremo in aula, ha promesso la leader di FdI, perché vogliamo discuterli pubblicamente. Detto questo, Giorgia Meloni si è soffermata sulla circostanza del 4 novembre, festa della Vittoria nella Grande Guerra, rivelando che il partito dei patrioti sarà in molte piazza d’Italia per celebrare degnamente la circostanza. Ma la parola d’ordine, a cento anni di distanza, è sempre la stessa: “Non passa lo straniero”. Laddove lo straniero non è tanto l’immigrato irregolare,ma chi muove queste masse, i mondialisti, gli imperialisti, ossia chi ci vuole ridurre a schiavi-consumatori. Per questo, ha sottolineato la Meloni, il tema del sovranismo, dopo un secolo, è ancora attualissimo: dai prodotti scadenti e peggio che entrano in Italia alla svendita dei nostri gioielli-impresa, dalle nuove mafie nigeriane e cinesi al controllo del territorio da parte delle istituzioni.

Per quanto riguarda il voto sul decreto sicurezza e immigrazione, ha ben chiarito la Meloni, la destra ci sarà sempre, anche se il decreto non è incisivo ma è sempre meglio che niente: “Sul tema della sicurezza degli italiani Fratelli d’Italia ci sarà sempre”, ha detto Giorgia Meloni, che ha rivelato che FdI ha presentato moltissimi emendamenti, passando poi a illustrarli dettagliatamente. La Meloni ha duramente attaccato il Movimento 5 Stelle, responsabile di molte bocciature dei sacrosanti emendamenti del partito del patrioti. Anzi, non bocciature ma dichiarati inammissibili, ossia che non possono essere discussi perché non inerenti l’argomento. Sì pensi addirittura che l’emendamento sulla lotta al fondamentalismo islamico e ai finanziatori esteri dei terroristi, non è stato considerato riguardante la sicurezza. Inammissibile. Come inammissibile, ha incalzato la Meloni, è stata ritenuta la nostra proposta di sgomberare entro il 2019 tutti i campi rom, che con la sicurezza certamente hanno qualcosa a che fare… Giorgia Meloni ha poi illustrato il contenuto di altri emendamenti giudicati estranei alla sicurezza, promettendo però che saranno ripresentati in aula: “Sono tutte materie che rigurdano da vicino il decreto sicurezza”, ha precisato la Meloni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Roberto 4 novembre 2018

    Che delusione! Salvini mollasse i 5 stelle!

  • Roberto 4 novembre 2018

    Un altro palliativo x un cambiamento che non hanno il coraggio di fare o non glie lo permettono! Vedi jobs act e art. 18…le espulsioni…gli sbarchi ( saranno diminuiti ma ancora ci sono) …i ROM….e se la linea è questa… addio quota 100 e reddito di “cittadinanza “….

  • Enzo Pardini 4 novembre 2018

    Cara Meloni, non sono d’accordo che, in quanto cocerme sulla pezza ‘ decreto sicurezza “ voi gli dobbiate dare una mano, quando loro hanno giudicato inammissibile certi vostri provvedimenti. Se farle le cose si fanno bene ok, se no meglio non farle, si arrangino!
    Stesso discorso sulla prescrizione, troppo tempo ci hanno giocato e fatto comodo allungare i processi. In Italia
    necessita che la giustizia riprenda il suo spazio e chi sbaglia deve pagare. Insomma certezza della pena.
    Un’altra cosa da abolire sono gli arresti domiciliari!
    La gente deve provare che cosa è l’umiliazione del carcere !

  • Maurizio Giannotti 4 novembre 2018

    Se aspettiamo che il PdR dica qualcosa in occasione di una celebrazione delle vittime Italiane dei beduini, stiamo freschi! Chi sta sulla seggiola del Colle bada esclusivamente ai poveri “profughi”,anche se delinquenti. Così insegna il verbo catto comunista!!!!

    • Bruno 5 novembre 2018

      Condivido l’atteggiamento della Meloni, dare una mano al governo la dove degli idioti creano problemi è costruttivo e questo governo ha propositi che non vanno banalizzati. Grazie Meloni.

  • mario salvatore manca di villahermosa 4 novembre 2018

    Ha ragione da vendere Pino 007. Sono gente che esce di casa il mattino e non si sa se torna a casa la sera. E il cento percento di loro hanno famiglie a carico. Con ministri deputati senatori (e detenuti) con il bilancio a otto e dieci zeri… No comment. Mario Salvatore Manca

  • Angela 3 novembre 2018

    Salvini lo avrebbe fatto più incisivo, purtroppo governa con i 5*,che si mettono spesso di traverso(l’anima sinistroide è dura da digerire ),mi piacerebbe vedere un governo Lega-Fdl,allora si,ci sarebbe il vero cambiamento!!!

  • 2 novembre 2018

    Avremmo più successo quando i Giudici Italiani applicano la pena di morte per omicidio e sentenze di prigione di durata lunga per stupro e castrazione chimica..i Giudici Italiani lasciano molto da desiderare legalmente…

  • Giuseppe Forconi 2 novembre 2018

    Meloni e Salvini e’ giustissimo rafforzare l’operativo delle forze dell’ordine ma anche necessario rivedere i loro stipendi quasi sempre sotto pagati, non dimenticatevi che loro sono la nostra sicurezza.

  • In evidenza

    contatore di accessi