Dolce&Gabbana, le scuse alla Cina non bastano: ecco che fine fanno i vestiti (video)

venerdì 23 novembre 15:19 - di Aldo Garcon

Le scuse di Dolce&Gabbana alla Cina non sono bastate per placare l’ira dei cinesi. Sui social circolano video che mostrano quanto siano infuriati per gli spot della griffe italiana. E così c’è chi pulisce il water con la maglia D&G, chi pulisce il pavimento, di chi taglia gli abiti degli stilisti con le forbici e chi dopo aver gettato la maglia o il profumo nel cestino alza l’indice medio. Circolano anche le immagini di centri commerciali di Guangzhou con il negozio D&G chiuso o smantellato in tutta fretta e l’insegna coperta. I video sono stati pubblicati da Selvaggia Lucarelli in un post su Facebook. «Oggi è arrivato il video di scuse alla Cina con sottotitoli in cinese di Dolce&Gabbana. Più che due stilisti dispiaciuti, sembrano due ostaggi dell’Isis, ma sorvolerei… Insomma – scrive Lucarelli– se i due pensano di far pace con un paese che ha costruito 6500 km di muraglia, mi sa che troppi cappotti devono ancora fare prima di capire come gira il mondo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica