De Magistris batte moneta: nasce la criptovaluta napoletana. Come Totò e Peppino?

venerdì 5 Ottobre 14:55 - di

«Siamo in ballo, e allora balliamo…», diceva Totò a Peppino De Filippo nel film “La banda degli onesti”, dove tre onesti cittadini decidevano di stampare banconote false per risollevare le proprie finanze. A Napoli, nel 2018, il sindaco Luigi De Magistris, dopo aver annunciato in pompa magna la creazione di una propria moneta anti-Euro, che doveva chiamarsi “Napo”, aveva poi dirottato sui Bitcoin, ma anche qui era stato costretto in ritirata:

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )