Bonolis: “Renzi ti regalo un poncho degli Inti Illimani, così ti rimane qualcosa di sinistra” (video)

sabato 20 ottobre 16:45 - di Redazione

”Ora posso finalmente realizzare il sogno della mia vita: fare il conduttore televisivo. Sono felicissimo”. Così, sorridendo, l’ex premier Matteo Renzi, dal palco della Leopolda in corso a Firenze, ha dato il via al primo talk nella storia della kermesse politica ideata nel 2010 dall’ex segretario del Pd. Il primo ospite è stato l’immunologo e virologo Roberto Burioni, divulgatore scientifico dei vaccini. Per il Talk, sul palco è stata allestita una scenografia simile a quella del salotto televisivo di “Che tempo che fa” condotto da Fabio Fazio su Rai1. Renzi è seduto dietro una scrivania e l’ospite intervistato davanti a lui su una poltrona. Un modello vecchio, mutuato dalla tv, che dimostra come la sinistra sia ancorata a linguaggi ormai poco aderenti alla realtà.

Paolo Bonolis si è presentato al pubblico con una battuta: “Sono cresciuto con il film ‘Quel gran pezzo dell’Ubalda, tutta nuda e tutta calda’ e quando ho detto a mia moglie che venivo alla Leopolda perché ero stato invitato mi sono sentito imbarazzato”. “E io – ha risposto Renzi – sono della generazione che è cresciuta guardando alla tv ‘Bim bum bam’ condotto da Bonolis”. Tra una battuta e l’altra, Bonolis ha detto: “Sono venuto qui gratis e dico quello che mi pare. Se mi avevi pagato, dicevo quello che volevi te”. Quindi ha scherzato con Renzi: “Ti ho portato un poncho degli Inti Illimani così almeno ci rimane qualcosa di sinistra”, ha detto consegnando il regalo tra gli applausi e le risate del pubblico in platea.

Poi un giudizio sui due vicepremier: “Oggi Salvini e Di Maio sono come le coppie storiche della comicità italiana, come Totò e Peppino, Boldi e De Sica. Tengono la logica delle coppie comiche con il tormentone, nel loro caso quello dei migranti”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giovanna 21 ottobre 2018

    Bravo Paolo non potevi fare un complimento migliore .. Totò e Peppino non sono due comici …ma due … professionisti di umanità…due.persone che saranno ricordati per le orme che hanno lasciato non solo nel mondo dello spettacolo ..ma ..nella vita di un popolo .. così come di Maio e Salvini uno scrive l’altro legge . Conte corregge ed il popolo respira …invece alla Leopolda ci sono solo i rottamandi ..i rottamatori rottamati tra carrozze rottamate ..non alla storia passeranno ..ma al rigattiere

  • Pietro 21 ottobre 2018

    Posso capire bonolis,che ha fatto strada nella televisione o,il bullo di Rignano che non è degno di comnentate questo governo.
    Il pagliaccio dell’unione Europea si deve mettere un sacco in testa quando esce per la vergogna verso gli italiani essere inutile pulcinella della toscana. Non nomino M:s bean per non offendere l’attore Rowan Atkinson.
    Renzi non dovrebve mettersi nella conta degli uomini ? questa sei una scireggia

  • Rita 21 ottobre 2018

    Bonolis i soldi li guadagna onestamente, piace da tanto tempo. non ha rubato o truffato. la battuta dell’ubalda è una cosa che ho pensato anche io. non ha mai fatto parte del partito degli operai, quindi non deve niente a nessuno, se sua moglie sfoggia capi firmati li ha comprati con soldi guadagnati onestamente, mica come la casa da un milione e trecentomila euro con 15.000 euro sul conto corrente. quindi smettetela, Bonolis non si atteggia a radical shit, è pagato per far ridere e quello fa e direi piuttosto bene

    • franco prestifilippo 22 ottobre 2018

      Brava! Spiegato perfettamente il concetto senza entrare nei particolari…noti a tutti e non ancora del tutto resi pubblici per motivi della lentezza elefantiaca Italiana.

  • Angela 21 ottobre 2018

    Che squallore le battute di Renzi e Bonolis !!!

  • Vini 21 ottobre 2018

    Renzi sparisci dai piedi non ai nulla da far vedere eccetto che sei un burattino.
    Di Maio e Salvini vi stanno facendo la scuola.

    • Enrico.carillo 25 ottobre 2018

      Devono farla a te la scuola degli idioti

  • Claudia 20 ottobre 2018

    Ha parlato quello di sinistra, che prende un sacco di soldi, che viaggia su aerei privato, la cui moglie posta la collezione di borse firmate Vuitton preda,Chanel ecc…. Ma il partito degli operai dove è finito? Ma come fa un operaio, un semplice impiegato a sentirsi rappresentati da questa gente? Tutti pieni di soldi, compagni a parole ,snob in privato come diceva Totò:”Ma mi faccia il piacere “

    • Rita 21 ottobre 2018

      Bonolis guadagna i soldi in maniera onesta, lo pagano per far ridere e quello fa. non si è mai atteggiato a rappresentante della classe operaia, non ha mai preso le parti di nessuno, è un entertainer e quello fa. se sua moglie mette in mostra capi firmati è perché li ha comprati con soldi guadagnati onestamente dal marito, mica è come renzi che ancora non ha spiegato come ha fatto con uno stipendio da senatore comprarsi una casa da un milione e trecentomila euro.

    • Enrico.carillo 25 ottobre 2018

      Ma chi ti vuole non servite

    In evidenza