Martina e il Pd s’improvvisano patrioti: «In piazza per l’Italia». E il web li stronca

sabato 29 settembre 11:23 - di Adriana De Conto

Piazza del Popolo a Roma è una Piazza impegnativa. Il segretario del Pd Maurizio Martina è sicuramente incauto nel chiamare la piazza a raccolta. Dappertutto, negli iscritti, nei pochi simpatizzanti rimasti, aleggia l‘incubo di un flop. Il clima è dimesso e la cautela sarebbe d’obbligo. Scendere in piazza contro un governo voluto fortemente dagli italiani, significa fare campagna elettorale “contro gli italiani”, come evidenziano in tv in questi giorni analisti e politologi. Ma il Pd non brilla di tattica, figurarsi di pretattica. «Domani saremo a Roma in Piazza del Popolo e lo faremo per difendere l’Italia. Perché con queste scelte Lega e Cinque Stelle vogliono rovinare il nostro futuro. Stanno facendo l’ennesimo condono fiscale. Stanno promuovendo misure assistenzialiste che non produrranno un posto di lavoro in più». Così il Segretario nazionale del Partito democratico Maurizio Martina, ospite a Rtl 102.5 sputa veleno contro la manovra. Replica facile facile: l’Italia andava difesa da loro, dai governi del centrosinistra. E poi, promuovere misure che una volta tanto favoriscano gli ultimi, che intervengano sulle povertà, non dovrebbe essere qualcosa vagamente di sinistra?. Piovono critiche e sfottò sul web, vignette e anche insulti. Per il Pd si mette sempre peggio.

Per Martina sostenere le povertà è propaganda

Una volta appreso – se le parole hanno un senso- che delle povertà e delle imprese alla sinistra non importa un fico secco, ascoltiamo anche il resto del Martina-pensiero:  «È una manovra pericolosa e ingiusta per gli italiani. Pericolosa perché carica sulle spalle dei nostri giovani 100 miliardi di euro di debito nei prossimi anni. Ingiusta perché questo debito non servirà per fare investimenti per scuola e sanità, o per creare posti di lavoro, ma per fare il condono fiscale voluto dalla Lega o l’assistenzialismo senza lavoro del M5S. Soldi pubblici spesi senza logica usati per rispondere al bisogno di propaganda di queste forze. La superficialità del governo è disarmante e molto pericolosa». Insomma, se gli argomenti sono questi l’incubo che la piazza resti semi-vuota è concreto. Ricordiamo i precedenti inquietanti (per il Pd ovviamente) di piazza Bologna a Roma per un comizio mesto del presidente del partito Matteo Orfini .

Un raduno nato male

Ricordiamo poi che il raduno di Piazza del Popolo è  nato male fin dall’inizio visto che inizialmente doveva essere oggi, sabato 29, data del derby Roma- Lazio, quindi procrastinato in tutta fretta per domenica. La macchina organizzativa procede spedita, assicurano dal Pd, ma gli organizzatori, più realisti del loro segretario, giorno dopo giorno hanno via via abbassato l’asticella delle presenze in piazza del Popolo. Se inizialmente Martina ai suoi aveva confidato di puntare sulla partecipazione di 500mila persone, poi il limite è sceso a 300mila, poi 200mila e ora al Nazareno parlano di 100mila come obiettivo “soddisfacente”.

Incubo Renzi: il retroscena

E poi siccome nel Pd le vendette e gli autolesionismi non mancano mai, ecco farsi strada uno scenario – magari fantasioso ma credibile – di un boicottaggio «da parte di Matteo Renzi e dei suoi. L’ex segretario ed ex premier sarà a Roma, lo ha dichiarato più volte, ma non parlerà visto che è previsto un intervento di Martina e di esponenti di varie associazioni. Ma siamo sicuri – si chiedono i non renziani – che l’ex leadersi stia davvero impegnando per portare il maggior numero di simpatizzanti a Roma?», leggiamo su Affariitaliani. it . Gli organizzatori lo temono. Sarebbe un modo, da parte dell’ex segretario, per utilizzare un probabile flop e rigiocarsi una scalata al Pd in vista dei congressi locali e poi delle primarie nazionali. Sì, l’incubo è pressante. Non vorremmo stare stanotte nei panni di Martina. I coltelli tra i compagni sono sempre in agguato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 1 ottobre 2018

    Ho visto da un telegiornale in differita, il raduno del PD in Piazza del Popolo……. Vergognoso vedere un Gentiloni ingiallito e uno scalmanato Renzi che si sbracciava, baciando il suo tirapiedi, inneggiando a qualche cosa che piu’ di un discorso sembrava lo strillone da mercato rionale per la vendita dei pomodori di Martina. Possibile che ancora ci credono ? Possibile che non riescono ad entrare nell’ordine di idee che sono fuori giuoco ( almeno per i prossimi 10 anni )??? Ad ogni modo fa pena vedere questa sparuta massa di gente che ancora crede che ritornando il PD potranno starsene a casa senza andare al lavoro e incassare il solito stipendio alle spalle di chi veramente lavora. Beati loro.

  • Paola 1 ottobre 2018

    PENOSI!!!!

  • stefano 1 ottobre 2018

    ho sentito su sky martina roba da brividi. ma fa le prove per sparare c****** o è nato così

  • stefano 30 settembre 2018

    la manifestazione? riesce solo in base ai partecipanti pagati dal pd. ma chi vuoi che vada a manifestare con questi falliti che a distanza di anni hanno ancora in mente il fascismo e portare in italia tutta l’africa per poi fargli fare il c**** che vogliono solo per avere 2 voti in più. finalmente abbiamo un governo decisionale. w. conte – salvini – di majo-

  • Giacomo Puliatti 30 settembre 2018

    “L’incubo dei moribondi!”. Vi piace come titolo di una sceneggiata? Tanto….. questo solo sanno fare….. oggi è Domenica, statevene a casa in mezzo alle cosce delle vostre mogli!!!!

  • Franco Cipolla 30 settembre 2018

    Ahahahaha….la fine che meritavate. Vi auguro di provare sulla vostra pelle le stesse ansie e sofferenze che avete generato alle classe deboli ed all’Italia tutta, con le vostre politiche poltronare, a sostegno delle elite globali e dei vostri interessi. Meritereste di essere presi a calci in c..o! A lavorare con falce e martello.

  • Massetti Francesco 30 settembre 2018

    hanno scoperto di essere patrioti dopo il 4/3/2018

  • eleonora ferrari 30 settembre 2018

    martina poveraccio crede nelle sue idee , ma ha la menmoria corta , molto corta . gli do un consiglio chieda ad un suo amico dell’inps il volume sui contributi di 10 anni fa ad un ispettore e legga attentamente . al sud non si pagavano contributi per sostenere le imprese . al sud si elargiva la cassa integrazione a gogo , una cassa da mnorto per oltre 50 anni . e lei , martina , ora vuole pontificare ? ci pensi e impari a leggere

  • maurizio giannotti 30 settembre 2018

    Divertente, Ci hanno riempito di migliaia e migliaia di sbandati scansafatiche e accattoni africani; di centinaia e centinaia di farabutti di ogni razza, lingua e religione; hanno rovinato con la storia delle Banche migliaia e migliaia di risparmiatori. E ora vanno in piazza per “difendere l’Italia”. Quanto sono cialtroni nel PD!!!!

  • Carlo 30 settembre 2018

    Errata corrige::che da marzo,colpa di questi correttori automatici

  • Antonio Criscuoli 30 settembre 2018

    Ottima analisi sono d’accordo, ma non vorrei vederli più a Roma!!!

  • Carlo 30 settembre 2018

    Ma visto che vi riunite invece di continuare ad andare contro il popolo,spendete il tempo a capire perche’ state sparendo,cosa c’è da marzo ancora non avete fatto.

  • Ben Frank 30 settembre 2018

    Se i pidi-oti vogliono fare qualcosa perr l’Italia, che in piazza ci vadano con le ramazze per spazzare le immondizie lasciate dai loro protetti zingari e clandestini, o con le pale per riempire le buche nelle strade, ma non a raccontare le solite palle, a cui ormai credono solo i trinariciuti inkalliti e le mign**te champagne e caviale dei quartieri alti, i soli dove ancora prendono qualche voto!

  • Silvia 30 settembre 2018

    Adesso si preoccupano degli Italiani?

  • Giuseppe Forconi 30 settembre 2018

    Ma come si puo’ credere ad un partito politico che fino a ieri ha bastonato la destra e oggi di colpo esalta le idee della destra, ( gia’ presentate ), quindi fuori renzi che e’ stato la causa fondamentale della caduta del PD, ora ci si mette anche Martina con lo stesso disco stonato ? Roba da matti, e’ con questa gente che si vuole ricostruire una Italia? Meglio perderli che trovarli.

  • Taddei Roberto 29 settembre 2018

    Voi comunisti l’unico raduno che potete fare é la domenica del villaggio per pulire le mondezze lasciate da voi stessi. Lo potreste fare a scopo benefico con la Fornero ke conta le lattine di c******.

  • Giacomo Puliatti 29 settembre 2018

    Ma che cosa ci stanno a fare questi due ancora nel PD? E’ possibile che non siete riusciti a mandarli via dal partito? Grazie a questa gente si è assistito alla crociffisione di un grande partito e ora, che fanno? Continuano a criticare quelli che stanno dando dimostrazione di un grande atto di coraggio. ANDATE VIA FANNULLONI SIETE SOLO DEI POLTRONARI MANGIASOLDI A TRADIMENTO!!!!

  • 29 settembre 2018

    TROPPO TARDI PAGLIACCI…AVETE DISTRUTTO ITALIA, GUARDATEVI INTORNO, LA VEDETE LA POVERTÀ?? ITALIA E DIVENTATA SOTTO LA VOSTRA MANO UN PAESE DEL TERZO MONDO!!!ITALIA E LA PIÙ POVERA NAZIONE EUROPEA..PAGLIACCI!!

  • andrea pd 29 settembre 2018

    Mi sembra abbastanza palese che Renzi e compagni stanno facendo di tutto per “sabotare” il partito democratico. Se il partito migliorasse la loro incapacità sarebbe palese, invece così possono continuare a farsi vedere e bofonchiare “quando c’eravamo noi” sperando che prima o poi di ritornare come salvatori della patria. Comunque, piccola nota, Piazza del Popolo dovrebbe contenere al massimo 100 mila persone, quindi in fondo in fondo erano coscienti fino dall’inizio dei loro limiti

  • In evidenza

    contatore di accessi