Donzelli accusa: “Pd corresponsabile del degrado di Firenze. Ora si cambia”

mercoledì 26 settembre 17:17 - di Giovanni Trotta

“L’amministrazione comunale del sindaco Dario Nardella è incapace di garantire la sicurezza a Firenze e permette ad abusivi e sbandati di dormire e occupare liberamente qualunque cosa. Una situazione che ha reso invivibile molte zone della città, fra le quali quella dove è stata stuprata nei giorni scorsi una ragazza, che il Pd ha abbandonato nel degrado”. È quanto afferma il parlamentare di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, che questa mattina ha effettuato un sopralluogo nell’ex deposito tram di via del Varlungo. “Alcune persone non identificate dormono in mezzo agli escrementi e alla sporcizia – sottolinea Donzelli – in quella che è una vera discarica abbandonata al pericolo igienico e sanitario. L’amministrazione ha la responsabilità di assicurare sicurezza e la legalità nelle aree pubbliche come in quelle private e può emettere ordinanze, basta volerlo. Invece non solo non è intervenuta in questi anni, continuando a permettere il degrado e le occupazioni abusive in cui viveva lo stupratore”. “Per questo il Pd è corresponsabile politicamente dei gravissimi episodi di criminalità che sono accaduti in questi anni. L’unica loro preoccupazione è perdere il potere – dichiara Donzelli – Alzano il sedere dalla sedia solo quando li costringiamo noi con i nostri sopralluoghi di denuncia. Anche oggi si è imbucato abusivamente al mio blitz un esponente dell’amministrazione comunale: solo inseguendo Fratelli d’Italia si accorgono del degrado che hanno creato”. “Durante il nostro sopralluogo – prosegue Donzelli – la polizia ha identificato un uomo di origine marocchina, probabilmente minore, in evidente stato confusionale al quale ho spiegato che non può rimanere sul territorio italiano se non rispetta le regole”. “Purtroppo a Firenze abbondano situazioni simili a questa – conclude Donzelli – noi continueremo a denunciarle per porre l’attenzione su quella che è una vera e propria emergenza”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi