Con il burqua non può visitarla: medico minacciato di morte dal marito islamico

lunedì 10 settembre 10:11 - di Federica Argento
burqa austria

Quando si dice l’integrazione. Nonostante in Francia viga il divieto di indossare il burqa, l’episodio avvenuto in un ospedale dell’Alta Corsica, nel comune di Poggio-Mezzana, che ha coincolto una coppia islamica, grida vendetta. Qualche giorno fa una donna si presenta in un ospedale dell’Alta Corsica, nel comune di Poggio-Mezzana, completamente ricoperta dal burqa. Il medico per poterla visitare le chiede con molto tatto di toglierserlo, per poter fare il suo lavoro ed esaminarla come si fa con tutte le pazienti. Evidentemente l’uso di essere visitate come tutte turba la donna islamica, che rifiuta di togliersi il velo integrale, impedendo di fatto al medico di visitala a dovere. Il medico le spiega che in quelle condizioni – con il burqa addosso- non sarà in grado di esaminarla, le chiede allora di lasciare lo studio per poter procedere con le altre visite. Non avrebbe mai immaginato che la paziente lo avrebbe apostrofato in malo modo, esclamando: «Le cose non si fermeranno qui».

E in effetti, le cose non solo sono andate avanti,ma sono anche degenerate quando  all’ospedale è sopraggiunto il marito della donna. Entrato nello studio del medico, ha tirato fuori nientemeno che una pistola appoggiandola minacciosamente sulla scrivania. L’ha poi rimessa nella borsa e se ne è andato. Secondo quanto riportato dai media francesi, riporta il Giornale, ancora non si sa in dettaglio cosa si siano detti i due uomini. L’unica cosa certa è che l’islamico ha minacciato il medico di morte. Un fatto gravissimo sul quale la procura di Bastia ha aperto un’indagine. «Non c’è posto in Corisica per il fondamentalismo e l’islamismo. La nostra isola è e resterà una terra di libertà e tollerenza», ha commentato il presidente del Consiglio esecutivo della Corsica, Gilles Simeoni.
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gian Carlo Lorenzi 12 settembre 2018

    E questa sarebbe la civiltà da cui imparare. Boldrini e soci siete degli incapaci totali.

  • antonio 11 settembre 2018

    a mio avviso o si mettono in testa di cambiare oppure tornino al loro medio evo .il medico ha fatto bene e se ne devono tornare tra i cammelli non qui…a romperci le balle a noi…a casina loro……

  • salvatore 11 settembre 2018

    per visitarla bastava chiamare NEMBO KID (superman)

  • Angela 11 settembre 2018

    Ah…ho capito!questi musulmani pretendono che i medici occidentali guariscano le loro donne con i super poteri …senza toccarle…ritornassero nei loro Paesi e ci lasciassero in pace una volta per tutte…siamo noi le vittime di questa invasione oscurantista.

  • Luigi Fassone 11 settembre 2018

    Cosa è andata a fare dal medico,se poi non vuol essere visitata,costei ? pensava che le desse la cura guardandola negli occhi ? Chieda aiuto ad Allah,e che diamine !

  • stefano 11 settembre 2018

    la soluzione? semplice ma fateli morire se devono. pechè rompersi le balle con questi parassiti

  • Paolo 11 settembre 2018

    Questi dovrebbero essere ricondottii con accompagnamento coatto nel loro paese di origine;però a suon di calci nel sedere!

  • Lisetta 11 settembre 2018

    Queste persone non devono stare in Europa. Devono essere rispediti nei loro stati di origine. Non esiste integrazione, i missulmani non l’accetteranno mai. Non si possono più accettare queste situazioni. Ci vogliono leggi specifiche contro queste persone che danneggiano la nostra civiltà. Basta!

  • Pietro 11 settembre 2018

    Lasciamoli con il burqa e con le loro responsabilità per le eventuali malattie.
    La migliore assistenza per quegli individui è rimandarli, senza complimenti, a casa loro.

  • Francesco Desalvo 11 settembre 2018

    Occorrerebbe invitare la Boldrini ad andare a Bastia per cercare di convincere quella famiglia ad integrarsi, e poi vedere i risultati.

  • Franco 11 settembre 2018

    Cosa dice la nostra amatissima ex presidente Boldrini, immagino che il medico abbia sbagliato perché non si è informato su come ci si comporta nel visitare una paziente islamica..

  • Silvia 11 settembre 2018

    Ma se certi islamici non si trovano bene in Europa, perché non tornano a casa loro?

  • serena 11 settembre 2018

    Lo fai presente e te ne vai. Affari loro.

  • In evidenza

    contatore di accessi