Cagliari, va in camera da letto e uccide i figli disabili con un fucile da caccia

venerdì 7 settembre 14:13 - di Gianluca Corrente

Tragedia familiare a Cagliari. Una madre ha ucciso i suoi due figli disabili a colpi di fucile. Il duplice omicidio è avvenuto a Dolianova a Mandas, dove c’è stato l’intervento dei carabinieri. La 64enne Angela Manca si è chiusa all’interno della stanza da letto dei due figli gemelli, 42enni disabili e allettati, Paolo e Claudio Calledda, e li ha uccisi con un fucile da caccia (regolarmente denunciato) del genero convivente, che proprio in giornata – insieme alla figlia della donna – era partito in vacanza. La coppia sta rientrando dopo essere stata avvisata della tragedia. La donna si è poi sparata con lo stesso fucile. È ancora in vita ed è stata trasportata in elicottero in un ospedale di Cagliari. Sul posto sono stati eseguiti i rilievi dai militari della compagnia di Dolianova e del Nucleo investigativo  del Comando Provinciale. Secondo quanto riportano le cronache locali, la donna ha avuto un intervento chirurgico di tre ore per ricomporre le ferite all’addome. Le sue condizioni sono stazionarie e i medici mantengono riservata la prognosi. Le indagini vanno avanti, dai primi accertamenti sembrerebbe un omicidio premeditato: la donna avrebbe approfittato dell’assenza del genero e degli altri familiari per impossessarsi del fucile con cui ha ucciso i due gemelli. Poi avrebbe rivolto l’arma contro se stessa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi