«Lavatevi le ascelle»: finisce sotto accusa medico dell’ospedale di Messina

martedì 21 Agosto 8:45 - di

«Un’iniziativa personale di operatori sanitari che, evidentemente, non hanno compreso appieno la reale mission dell’Azienda». Così il Policlinico “G.Martino” di Messina ha bollato l’avviso comparso in un reparto dell’ospedale in cui si invitavano i pazienti a una maggiore igiene personale. «Ricordiamo che è sempre apprezzata l’ascella lavata», si leggeva nel cartello affisso in ambulatorio.  E ancora il medico ha informato ironicamente i pazienti che «lavarsi prima delle visite programmate, cambiarsi la biancheria intima e pulirsi le scarpe dalla terra o altro, prima di entrare, non cancella importanti indizi utili alla diagnosi, per cui possono procedere tranquillamente a una doccia»..I vertici dell’azienda hanno già dato disposizione affinché fosse rimosso l’avviso e hanno individuato il responsabile, nei confronti del quale è stato avviato «un immediato procedimento disciplinare». All’utenza sono arrivate le scuse per «le inaccettabili modalità con cui i pazienti venivano invitati al rispetto delle norme igieniche». Anche se . hanno precisato dall’azienda – si tratta di «un’iniziativa personale di operatori sanitari che, evidentemente, non hanno compreso appieno la reale mission dell’Azienda, impegnata da mesi in programmi di umanizzazione delle cure e nel miglioramento del rapporto con i pazienti». L’avviso era stato notato e fotografato da un uomo che aveva accompagnato la madre per una visita. L’uomo ha inviato la foto a un’amica che a sua volta l’ha inoltrata alla direzione del Policlinico.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • sergio 21 Agosto 2018

    ha fatto benissimo chi ha scritto ed esposto quel cartello……..l’ azione disciplinare fa fatta ai membri della direzione

    • Sergio Spinola 22 Agosto 2018

      Ben detto

  • Marcello 21 Agosto 2018

    Ormai il “buonismo” ha raggiunto livelli demenziali: chi è sporco deve essere definito “diversamente pulito”, chi è puzzolente (perché non si lava) “diversamente profumato”. E chi la pensa così è definibile “diversamente intelligente”.

  • Pino1° 21 Agosto 2018

    Troppi idioti ipocriti a governare a cervello spento e carta bollata accesa! Nella naja i riottosi alla pulizia venivano accompagnati in punta di ramazza sotto la doccia vestiti compresi e non ne uscivano che ben lavato e sbiancati ! La pulizia ed igene serve sopratutto a chi l’igiene lo pratica ! I monatti più che invitati garbatamente e con ironia vanno lavati comunque ! e seguiti a lungo finche non si applicano da se !

  • Giuseppe Forconi 21 Agosto 2018

    Perche’, cosa ha fatto di male ??? In ospedale per questione di igiene ci si va puliti e non puzzolenti, quindi lavatevi che fa bene.

  • GIAN GUIDO BARBANTI 21 Agosto 2018

    ma che direzione sanitaria stupida.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )