Diciotti, Di Maio a muso duro: o la Ue decide, o stop ai contributi italiani

giovedì 23 Agosto 19:42 - di

Di Maio scuote la Ue latitante. La questione della nave Diciotti, ferma al posto di Catania con decine di clandestini, molti dei quali ammalati di scabbia, scalda la politica italiana e non solo italiana, poiché la Ue brilla ancora una volta per la sua ignavia: da una parte gli sconfitti della sinistra che approfittano di questa emergenza per inscenare pietose manifestazioni e passerelle dei vecchi politici di sinistra, dall’altra il governo italiano che continua a dare la precedenza agli interessi degli italiani, nonostante i poteri forti abbiano già cominciato l’offensiva contro i sovranisti. Dopo le dichiarazioni del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, adesso interviene decisamente l’altro vicepremier e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, con un chiaro ultimatum alla Ue, che anche in questa vicenda sta brillando per la sua assenza e mancanza di decisione: “O l’Unione europea interviene e decide, o potremo decidere di fermare i nostro 20 miliardi di euro di contributi a Bruxelles”, ha detto Di Maio, sottolineando anche in questa occasione l’unità del governo del cambiamento. Coesione immediatamente confermata da Salvini, che ha plaudito alla sortita di Di Maio. La Ue ha pigramente indetto una riunione sulla vicenda per domani, mentre la sorte dei clandestini è appesa a un filo, stretta tra i rifiuti di accoglienza da parte della Ue la necessità dell’Italia di proteggersi dalla sconsiderata invasione di clandestini, non rifugiati, messa in atto dai governi precedenti con la complicità della Ue.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Angela 24 Agosto 2018

    Bravi Salvini e Di Maio,non fatevi intimorire,continuate ad andare avanti,siete nel giusto, finalmente un governo che pone i cittadini al primo posto,la UE non ci schiaccerà con le sue politiche repressive.

  • sergi 24 Agosto 2018

    Tutti quei miliardi se li teniamo qui in ITALIA servono per tante cose, case di riposo, strade, scuole, sanità, forse dell’ordine, ecc…ecc… non mollate DI MAIO e SALVINI forza siamo tutti con voi.

  • roberto d elia 24 Agosto 2018

    BRAVO

  • Vini 24 Agosto 2018

    Non mollate fatevi rispettare di Maio e Salvini.

  • doriana santinato 23 Agosto 2018

    la ue va messa con le spalle al muro! poi scusate!! una domanda perchè dobbiamo dare tutto quel denaro con tutti i problemi che abbiamo nel nostro paese!! non ci conviene!

  • Sabatangelo 23 Agosto 2018

    Adesso si che il governo si puo’ dire unitario. Adesso si che il governo si puo’ chiamare del cambiamento. Era ora.

  • florio 23 Agosto 2018

    Basta soldi alla UE, basta soldi all’Onu, basta e ri -basta soldi al Vaticano (è lo stato più ricco al mondo! Se fosse veramente compassionevole e caritatevole con il solo schiocco delle dita potrebbe azzerare in un attimo il debito pubblico italiano) Questi quattro soggetti unitamente a tutto il sinistrume che li accompagna sono da sempre la vera causa dei mali e disastri di questo paese.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )