Tav, Fratelli d’Italia chiede un referendum: “Decidano i piemontesi”

lunedì 18 Giugno 18:12 - di

Un referendum per decidere sul futuro della TAV in Val di Susa, una proposta lanciata oggi da Giorgia Meloni. «Fratelli d’Italia ha depositato in tutti i capoluoghi di provincia  del Piemonte una mozione a sostegno della Torino-Lione e lancia un appello a tutte le segreterie regionali dei partiti piemontesi per organizzare insieme il Tav-Day». Ad annunciarlo, in una nota, il presidente di Fratelli d’Italia, che spiega: «Rimettiamo nelle mani dei cittadini del Piemonte il loro futuro attraverso un esperimento di democrazia diretta, ovvero un referendum coordinato sulla Tav, preceduto da una ampia informativa sull’opera, sui costi della stessa e sui vantaggi attesi». «Referendum – prosegue – che siamo pronti ad organizzare anche da soli e per il quale stiamo già lavorando: saremo nelle piazze, al fianco dei tantissimi piemontesi che come noi credono che la crescita economica italiana non possa prescindere dallo sviluppo infrastrutturale strategico. Siamo certi che l’Italia che dice sì, che scommette sul futuro, che crede nello sviluppo sia maggioritaria e faremo opposizione alla linea del governo Conte che, viste le premesse,  sembra orientata ad accantonare l’adeguamento infrastrutturale», conclude Meloni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bruno 19 Giugno 2018

    Andrea inonda un’iniziativa da lui stesso definita idiota con un fritto misto di banalità (totalmente infondate) ancora più idiote.
    Meloni e la sua fazione politica tentano semplicemente di emarginare l’area territoriale interessata e gli oppositori diluendoli in una platea più ampia di chiamati ad esprimersi.
    Metodo trito e ritrito per cercare di vincere facile e di piazzare tondino, cemento e inquinanti assortiti a casa di qualcun altro.
    Auguri.

  • Mauro Galliano 18 Giugno 2018

    Per chi non lo sapesse in valle di Susa ci sono due strade statali verso la Francia con relativi valichi frontalieri ( Moncenisio e Monginevro) , una linea ferroviaria a doppio binario recentemente modernizzata sulla quale già adesso cicolano i TGV e le merci con relativo tunnel ferroviario verso la Francia , un’ autostrada modernissima ( A32) con relativo tunnel autostradale ( Frejus) un elettrodotto che trasporta energia dalla Francia verso l’ Italia. Una comunità di 70.000 abitanti su una striscia di terra lunga 60 Km e larga alcune centinaia di metri !!!!
    Nessun territorio italiano a parità di estensione e di abitanti è stato così generoso fino ad ora in fatto di grandi opere nell’ interesse dell’ intera nazione. Quindi onore ai Valsusini per gli enormi sacrifici fatti fino ad ora ! Tocca ad altri farsi sventrare! Fatevi avanti parlamentari del pd e di forza italia: candidate i vostri territori magari quelli belli fitti di ville con piscine di proprietà delle vostre famiglie e dei vostri soci in affari. I valsusini sono stanchi di essere considerati la cloaca massima dove tutto deve passare. Siate democratici, prendetevi la vostra bella fetta di infrastruttura e per una volta godetevela VOI !!!!

  • Andrea 18 Giugno 2018

    Questa è l’iniziativa più idiota e insensata che abbia mai sentito.Se per ogni grande opera infrastrutturale si dovesse chiedere il parere degli interessati è chiaro che non si realizzerebbe mai nulla perché ovviamente nessuno vorrebbe cemento e acciaio alla porta di casa,ma allora torniamo ai ponti di legno e alla diligenza.Inoltre da questa illuminante sortita si denota tutto il rispetto che questo individuo nutre nei confronti degli Italiani tutti e non solo dei Piemontesi che hanno già in parte pagato i costi della TAV,i quali sarebbero costretti a pagare altrettanto in penali e multe.Ma i soldi non sono un problema per un politico che nonostante voglia il più possibile mischiarsi alla gente comune non può capire cosa realmente significhino sacrificio e sudore.Mi spiace ma questa uscita dimostra cosa non si fa pur di racimolare un pugno di voti,magari proprio quelli di chi fino a ora si é opposto al progetto con la violenza e gli attentati ,quasi sempre a grave danno delle Forze dell’ordine.Si proprio poliziotti e carabinieri così amati e difesi giustamente a spada tratta dall’Onorevole Giorgia Meloni.Le persone normali non viaggiano con autoblu supersoniche ne si possono permettere aerei di Stato o di provvidenza per spostarsi da un luogo all’altro quindi basta con l’ infantilismo cronico di Verdi e adepti dell’ultima ora e avanti con le grandi opere come in tutti i grandi Paesi moderni.