Roma fa paura, 2 giovani foggiani accerchiati e aggrediti a calci e pugni dal branco

lunedì 18 Giugno 15:23 - di

In vacanza a Roma per visitare le bellezze della città eterna, probabilmente i due turisti foggiani mai e poi mai si sarebbero aspettati di vivere la terribile esperienza che gli è capitata la scorsa notte quando, un branco di almeno 6 persone, li ha accerchiati e aggrediti a calci e pugni  per poi rapinarli dei portafogli e di un orologio.

Roma, turisti foggiani aggrediti e rapinati dal branco

Una vera e propria aggressione criminale, violenta e ordita evidentemente nei dettagli se, come sembra sia accaduto, dall’accerchiamento delle vittime individuate, colpite e derubate, alla via di fuga imboccata di gran corsa, tutto è sembrato studiato e calcolato al secondo, nel minimo dettaglio. Il branco, però, non ha fatto i conti con l’arguzia e l’esperienza delle forze dell’ordine: e così, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato, con l’accusa di rapina aggravata in concorso, due giovani romani, di 18 e 21 anni, e un 18enne romeno che, la scorsa notte, unitamente ad altri 3 complici, hanno aggredito, con violenti calci e pugni, due ragazzi di Foggia, di 22 e 23 anni, a Roma per vacanza.

La chiamata ai carabinieri, l’arresto di 3 componenti del branco

Intervenuti a seguito della richiesta di aiuto delle vittime arrivata subito dopo l’agguato al 112, i militari sono immediatamente arrivati in piazza San Pietro in Vincoli dove i due erano fermi per una chiacchierata, e dove poco prima erano stati circondati dal branco. Rassicurati dalle buone condizioni dei rapinati, che non hanno avuto bisogno di cure mediche, i Carabinieri hanno quindi acquisito i dettagli di quanto accaduto e confrontato con i loro schedari le descrizioni dei componenti della gang, oltre che esaminato la loro via di fuga. Tempestivi riscontri e immediate ricerche nelle vie limitrofe, hanno quindi fatto il resto, permettendo ai militari di rintracciare e bloccare tre componenti della banda. Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 19 Giugno 2018

    Il bel paese…..Ciao al turismo!!! Per piacere pulitevi la nazione da questi bastardi!!