Blocco navale, Meloni: «Le anime belle della sinistra hanno la memoria corta»

mercoledì 27 Giugno 19:35 - di

Giorgia Meloni dà un altro calcio al buonismo e al business dell’accoglienza. La situazione migranti va risolta alla radice – sostiene la leader di Fratelli d’Italia – con un’unica soluzione: il blocco navale. E nel ribadire il concetto smaschera l’ipocrisia della sinistra.

Migranti, Giorgia Meloni: il blocco navale è l’unica soluzione possibile

«Il blocco navale si può fare eccome, l’ultimo governo che lo ha applicato è stato quello guidato da Romano Prodi che nel 1997 usò le navi militari della Marina per impedire ai barconi di partire dall’Albania. Chiedete a lui come si fa, lo volevo ricordare alle anime belle della sinistra», ha beffardamente ricordato in Aula la Meloni, aggiungendo a stretto giro che quello che lei e il suo partito propongono, è un «blocco navale concordato con i governi libici – ha infatti precisato Giorgia Meloni, smentendo che l’embargo possa essere considerato un atto ostile – che si può fare perché, se vuole, l’Europa ha tutte le argomentazioni diplomatiche, economiche e militari per convincere le autorità di Tripoli». E allora, ben venga il cambio di passo del governo italiano in tema di immigrazione, ma i progressi appena acquisiti, aggiunge la Meloni, rischiano «di essere inefficaci se Conte non andrà al Consiglio europeo a chiedere una missione europea con blocco navale al largo delle coste della Libia». «Finché non impediamo ai barconi di partire – ha quindi sottolineato – noi non risolveremo il problema dell’immigrazione. È quello che Fratelli d’Italia chiede nella sua risoluzione, insieme a un fondo europeo per gestire i rimpatri. Vogliamo rimpatriare 600.000 immigrati clandestini arrivati in questi anni e lo vogliamo fare con i soldi dell’Unione europea», ha aggiunto la Meloni, preoccupata – a suo dire – che «nella proposta italiana non si faccia alcun accenno ai rimpatri». Ma «che cosa ha deciso di fare il governo con i 600.000 clandestini arrivati in Italia negli ultimi anni e con quelli che arriveranno? Ce li teniamo?», ha sarcasticamente domandato la presidente di FdI nel suo intervento in Aula in vista del Consiglio Europeo.

L’attacco a Merkel e Macron: vorrebbero l’Italia come un campo profughi europeo

Consiglio europeo che non sarà di facile approccio e facile gestione e su cui grava, a detta di Giorgia Meloni, l’incognita del «grande sogno della Merkel e di Macron: trasformare l’Italia nel grande campo profughi dell’Europa». E anche per questo, ha rilevato la leader di Fratelli d’Italia, «da Macron e dalla Francia abbiamo dovuto sopportare ogni genere di insulto: siamo irresponsabili, cinici e perfino vomitevoli. Ma la Francia è la prima responsabile dell’emergenza migratoria dalla Libia a causa dei bombardamenti del 2011, fatti solo per interessi di carattere economico. Non c’è nazione più cinica della Francia che – ha quindi concluso Giorgia Meloni – ancora oggi, stampa le monete e le presta alle nazioni africane con tassi di usura. Macron deve fare silenzio e pretendo che lei glielo dica», ha concluso con veemenza la presidente di FdI, il suo intervento alla Camera sulle comunicazioni del governo in vista del Consiglio Europeo.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco Cipolla 27 Giugno 2018

    Meloni, trasparente e soprattutto coerente, che dice quello che pensa e non parla a vanvera.
    Sei il mio mito e da te mi sento profondamente rappresentato.
    I politici ai quali importa ben poco delle sorti dei cittadini onesti Italiani, dovrebbero vergognarsi di aver perso la loro dignita’ nazionale. Dall’alto dei loro scranni e ricchi dei loro privilegi sentenziano, invece di cooperare per cercare di risanare il loro Paese, guadagnadosi almeno stavolta i lauti stipendi che i cittadini onesti Italiani pagano loro. Falsi bugiardi ed ipocriti all’ennesima potenza. Vergognatevi! Ci hanno ridotto alla merce’ della francia e della germania(volutamente scritto in corsivo per indignazione). I nemici dell’Italia li abbiamo in casa e continuiamo a nutrirli, mentre andrebbero presi e mandati a zappare la terra.

  • salvatore 27 Giugno 2018

    Giorgia, e…scusa se ti chiamo per nome, ma ti considero mia amica perché sai difendere gli italiani e l’Italia. brava …….insisti e rimani ferma sulle tue posizioni ed invita il nuovo governo a mostrare le p.. come ha fatto sino ad ora. BRAVA MELONI!

  • 27 Giugno 2018

    Sono di accordo con lei Ms. Meloni, ogni paese a il diritto di difendere proteggere la sua sovranità!!la verità è che gli altri paesi Europeisti guardano Italia e vedano solamente confusione e allora e facile spedire la merce umana in Italia..e scusate avete un gallo di papa in controllo del Vaticano che vuole una Italia multi etnica…