Alfano si “ricicla” come avvocato: sarà consulente e si occuperà di business in Africa

sabato 30 Giugno 13:20 - di

Abbandonato dai suoi, dopo l’ecatombe del Nuovo Centrodestra, Angelino Alfano si reinventa e gioca la carta della sua professione di avvocato. Da lunedì lavorerà come consulente per un grosso studio legale, il BonelliErede. Come nella migliore tradizione di chi arriva dalla Farnesina, Alfano si occuperà di assistenza di aziende, Stati e istituzioni su materie collegate al diritto e alla diplomazia internazionale. Lo studio punta a sviluppare le attività in Africa e Medio Oriente, ed è soprattutto su queste aree che si concentrerà l’attività di Alfano, portando l’esperienza internazionale acquisita negli anni e il know how che avrà modo di sviluppare con i nuovi incarichi di consulente di Confindustria per sviluppo e cooperazione con i Paesi africani e di co-docente nel corso alla Luiss su “Islam in Europa: migrazioni, integrazione e sicurezza”

Alfano sarà “of Counsel”

Con BonelliErede Alfano sarà “of Counsel”, ossia consulente esterno, inserito in un team di professionisti specializzati su “Public International Law & Economic Diplomacy”, cioè assistenza di aziende, Stati e istituzioni in materie collegate al diritto internazionale pubblico, come anticorruzione, arbitrati internazionali, fiscalità e regolazione. «Dopo aver definitivamente lasciato la politica, ho deciso di dedicarmi a tempo pieno alla libera professione, con un particolare orientamento allo scenario e ai mercati internazionali e l’opportunità di BonelliErede ha rappresentato una scelta naturale in questa direzione», ha commentato Alfano. «Intraprendo questo nuovo percorso professionale con l’entusiasmo e la voglia di un progetto a lungo termine, in cui valorizzare al massimo le mie esperienze pregresse, pur in discontinuità rispetto ai ruoli da me ricoperti in passato».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gianni 1 Luglio 2018

    Anche lui ha capito il gioco delle consulenze intascare soldi senza fare nulla come ai tempi di de Pietro e tanti altri politicanti così non rischiavano per passare da tangentisti.

  • Laura 1 Luglio 2018

    Non è lui che ha lasciato la politica, sono gli italiani che l’hanno buttato fuori! Mi spiace per lo studio che l’ha preso come consulente: tutto ciò che alfano tocca, alfano distrugge. Suggerisco di mandarlo a lavorare, e vivere, in Africa. È il suo ambiente naturale, traditore degli italiani!

  • GENNARO TERMINE 1 Luglio 2018

    NELLA SUA SICILIA USAN DIRE : MISCHINU !!!!!!

  • Pompeo 1 Luglio 2018

    Ma di affari con l’africa Non se ne occupava già?

  • Giuseppe Tolu 30 Giugno 2018

    Avvocato delle cause perse ??, non poteva fare di meglio, poveraccio