«Usura e banche degli ebrei causarono la Shoah»: è bufera su Abu Mazen

2 Mag 2018 13:23 - di Redazione

«L’usura, le banche e cose del genere» sono i «comportamenti» degli ebrei che, secondo il presidente palestinese Abu Mazen, hanno causato l’Olocausto. Una teoria, pronunciata in diretta televisiva, che ha suscitato un’ondata di critiche a livello mondiale. «Antisemita e patetico», ha replicato il premier israeliano Benjamin Netanyahu. «Negazionista della Shoah», gli fa eco il Ministero degli affari esteri dello Stato ebraico. Sul caso è intervenuta anche la Anti defamation league (Adl), un’organizzazione impegnata a combattere l’antisemitismo nel mondo. «Sono asserzioni antistoriche e pseudo-accademiche», ha detto il direttore Jonathan Greenblatt.

Abu Mazen ha affrontato il tema della “questione ebraica” durante il Consiglio palestinese di Ramallah, in un discorso di 90 minuti trasmesso in diretta. Il presidente ha ricordato come in Europa gli ebrei siano stati periodicamente massacrati nei secoli, fino alla Shoah. «Ma perché questo è accaduto?», si è chiesto. «Loro dicono: “È perché siamo ebrei”. Bene – ha continuato Abu Mazen, citato dai media -, vi porterò tre ebrei, con tre libri, che dicono che l’odio verso gli ebrei non è causato della loro identità religiosa, ma dalle loro funzioni sociali. È un problema differente. Quindi la “questione ebraica”, che era diffusa in tutta Europa, non era diretta contro la loro religione, ma le loro mansioni sociali, legate all’usura, all’attività bancaria e simili». Ma il leader palestinese non si è fermato qui. Ha anche definito lo Stato ebraico un “prodotto coloniale” britannico, negando l’esistenza di una relazione fra gli ebrei e la terra di Israele. Insomma, di tutto e di più.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • franco. 4 Maggio 2018

    La banalità riferita da Mazen è condivisa da non meno del 70 per cento degli italiani, moltiplicata al quadrato. Si fa solo finta di non sapere per non dover riferire quello che quasi tutti sanno ( il” quasi” è riferito a quelli che se ne fregano comunque di tutto).

  • Laura Prosperini 3 Maggio 2018

    è il momento di fare più chiarezza su questo argomento, se tre ebrei scrivono, documentandosi, con sincerità che la causa delle persecuzioni nion risiede nella loro Religione ma nelle conseguenze di certi loro comportamenti nella società quantomeno documentiamoci su cosa vogliono dire, su cosa vorrebbero fare per modificare ciò, mi sembra molto saggio sentirli, potrebbero aiutare, ad esempio, la pacificazione nell’area di Israele laddove ogniuno deve necessariamente fare la sua parte ed accollarsi atteggiamenti/colpe errate dalle ovvie, negative, conseguenze.

  • Marcello 2 Maggio 2018

    Chi può meravigliarsi delle parole pronunciate da Abu Mazen? Sono cose che nel corso degli anni sono state dette più e più volte da persone più o meno informate, più o meno autorevoli.

  • alessandro ballicu 2 Maggio 2018

    vero oltre il fatto che, come descritto nel vangelo di san matteo ,costrinsero il magistrato romano a crocifiggere un innocente figlio di Dio

  • SUGERITI DA TABOOLA