Renzi: se Di Maio ha i numeri ed è capace, governi. Ma senza il Pd…

3 Mag 2018 20:00 - di Redazione

“Nessuna polemica, nessuna divisione, nessuno scontro. Noi abbiamo detto una cosa semplice: hanno vinto loro, governino. Non sono capaci? Lo dicano. Ammettano il loro fallimento. Non dicano come fa Di Maio: ah, gliela faremo pagare, la pagheranno. Che è un linguaggio abbastanza strano per uno statista. La pagherete, pagherete cara, pagherete tutto”. Lo ha detto Matteo Renzi in un’intervista, realizzata alcuni giorni fa e in onda stasera a Piazza Pulita su La7. “Io – ha aggiunto l’ex-segretario Pd – trovo abbastanza sorprendente che Di Maio si arrabbi perché non votiamo la fiducia al governo Di Maio. Sapessi quanti si arrabbiano se noi votiamo la fiducia al governo Di Maio. Andiamo sulla sostanza. Il punto è: se sono in grado di governare governino per l’Italia. C’è un sacco di cose da fare. Hanno promesso il reddito di cittadinanza… io non ci credo. Ora tocca a loro darlo il reddito di cittadinanza, in particolar modo al sud. Hanno promesso, quegli altri, la flat tax, una roba che non sta né in cielo né in terra. La facciano”. “Quello che per me per me è fondamentale e cruciale è un’altra cosa. Se loro non sono capaci, beh, forse è arrivato il momento di dire che c’è un problema di regole in Italia. Che non lo ponevamo noi in modo strumentale qualche anno fa. Quindi con molta tranquillità, con molta lucidità, in bocca al lupo a Di Maio se ha i numeri per fare il governo. Ma certo i numeri per fare il Governo Di Maio li avrà senza il Pd”, ha sottolineato Renzi. E ancora sui 5 Stelle Renzi ha proseguito: ”No non ho chiuso a doppia mandata. Anzi. Io ho detto un ragionamento diverso. Ho detto una cosa che pensano praticamente tutti. E cioè che è giustissimo fare il confronto, fare ogni tipo di dialogo con chiunque, a maggior ragione coi cinque stelle. Nel caso dei cinque stelle secondo me va bene addirittura fare il confronto in streaming e mi sembra anche una idea carina. Però l’idea di tradire il mandato dei cittadini, degli elettori, e fare un governo con la guida di Salvini da un lato, o quella di Di Maio dall’altro, boh… secondo me sarebbe una cosa che nessuno dei nostri capirebbe”. “Io penso una cosa molto semplice. Noi abbiamo preso il 18% dei voti. Quindi non abbiamo vinto. Anzi, hanno vinto gli altri in modo molto chiaro. Sono capaci di governare? Lo facciano. E noi dobbiamo essere molto tranquilli. Dobbiamo non avere il tono che hanno avuto i cinque stelle contro di noi quando eravamo al governo o Salvini che diceva avete le mani sporche di sangue, gli altri dicevano: mafiosi, corrotti. Dobbiamo essere rispettosi. Chi sarà il presidente del consiglio potrà contare sul nostro rispetto istituzionale ma non sul nostro voto”, ha concluso Renzi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • claudio 4 Maggio 2018

    Una delle poche volte che sono d’accordo con Renzi! Scampato pericolo!

  • Rita 4 Maggio 2018

    renzi parla come se non avesse mai governato e se non avesse fatto riforme che hanno peggiorato le cose. renzi è un cialtrone che aveva promesso di ritirarsi dalla politica e rimanere in silenzio per due anni. neanche due mesi è durato il suo proposito. è affidabile tanto quanto di maio che si è dato tanto da fare per farsi regalare voti per governare. d’altra parte giggino è stato eletto da 180erotti voti presi dal popolo della rete. e manca di esperienza e conoscenza dei fondamentali della politica. e della politiquette. è solo un burino in abiti di sartoria, sempre con il suo bel cerone sul viso, mai un capello fuori posto, vestiti di sartoria custom o di designer, il che è indice che si preoccupa più dell’estetica che della preparazione al posto che ambisce. sarebbe una iattura se costui arrivasse alla poltronissima. non mi fido di mattarella, da giudice costituzionale aveva dichiarato incostituzionale la legge che ha eletto lo scorso parlamento ma non gli ha fatto schifo essere eletto da parlamentari che aveva dichiarato illegali. anche costui mostra una marcata mancanza di onore, onestà ed integrità.

  • RICCARDO AMARA 4 Maggio 2018

    Renzi, non sei proprio niente …..
    anzi !!!…
    sei ancora meno di niente!!!

  • sergi 4 Maggio 2018

    PD, date la fiducia al movimento cinque Stelle, vi conviene non mettete il bastone in mezzo ai raggi della bicicletta, avete perso!! arrendetevi, fuori dal governo… 5 stelle avanti tutta.

    • Rita 4 Maggio 2018

      come no con un leader che si prostituisce con destra e sinistra pur di avere i voti che gli mancano per raggiungere la poltronissima. un movimento che ha fatto dell’offesa e della diffamazione il suo modus operandi, con un leader che cambia idea e programma per adattarli all’interlocutore. un leader che non conosce etica, morale, i fondamentali della politica i fondamentali della politiquette. che non ha nessuna esperienza in politica, che non ha preparazione, che si comporta come un bambino dell’asilo…. un uomo che vende solo fumo. si rivelerà un giorno per il fenomeno da baraccone che è… spero non sia dopo che ha finito di mettere il paese in ginocchio. ci vuole ben altro per essere un leader, ci vuole sostanza e preparazione, visione, onestà integrità rispetto per l’elettorato, amore per il paese, e giggino non possiede nessuna di queste qualità.

  • gicecca 4 Maggio 2018

    To Mikael:: Herpes or smallpox ? GiC

  • Mario M. Fornaro 4 Maggio 2018

    In questo frangente (la ricerca di intese per governare) bisogna riconoscere che Renzi è logico e lineare tirandosi dietro le quinte, da perdente. Di Maio fa una pessima figura al confronto: dimostra solo l’ambizione di diventare Premier non importa con chi (sia la Lega, che il Pd). Della gente e dei problemi relativi (es. la gravissima disoccupazione) sembra interessarsi ben poco: gli interessa il proprio ego e l’affermazione personale. A proposito di disoccupazione, cioè lavoro che tutti indicano come priorità (Presidente Mattarella e Papa Francesco, per citare due nomi di riguardo): il lavoro non c’è. Le aziende non sono in grado di crearlo poiché non c’è richiesta di prodotti: pertanto non possono assumere. L’unico datore di lavoro, pertanto, sul ‘mercato’, è lo Stato Italia. Se il prossimo Governo non fosse fatto da testoni -come lo è stato quello decaduto di Renzi-Gentiloni- dovrebbe capirlo. Quindi, farsi datore di lavoro in prima istanza ed eliminare la disoccupazione. Cioè? Assumere i disoccupati, attrezzarli, ideare progetti ad hoc e impiegarli nei vari organismi statali (es. Forze dell’Ordine nei vari settori per dare sicurezza, protezione ed aiuto ai cittadini; nei servizi sociali per l’ambiente e per la terza e quarta età, etc. Keynes insegna).

    • Giuseppe 4 Maggio 2018

      Hai ragione.. Di Maio mi ha deluso per il suo atteggiamento spocchioso.. arrogante.. io.. io.. M5S e centro destra dicono di aver vinto.. ma forse non sanno contare.. con una legge elettorale così combinata si può governare solo con alleandosi con altri partiti.. troppo presuntuoso Di Maio.. pretendere la Premiership.. imponendo in parte il suo programma.. in accordo di governo bisogna necessariamente scendere a compromessi.. e rinunciare alle questioni di principio.. altrimenti si rimane soli e piano piano chi ti ha votato ti molla.. perché non può aspettare in eterno.. forse il vero vincitore paradossalmente è Renzi.. dite di aver vinto… allora vediamo cosa sapete fare..

  • Alessandro Caroli 4 Maggio 2018

    Resta il fatto che se loro non fossero stati li zerbino della Merkel e di Juncker, se avessero difeso gli interessi dell’Italia al punto di uscire dall’euro e minacciare l’abbandono della UE, se avessero rifiutato di tenere il sacco al guerrafondaio “abbronzato” della Casa Bianca quando ha sconvolto gli equilibri del medio oriente, se avessero rimandato al mittente le sanzioni alla Russia, anche al limite uscendo dalla NATO, non avrebbero avuto il 18% alle elezioni, ma – forse – il 58%.

  • Luigi Alfarano 4 Maggio 2018

    Renzi non sei nessuno rappresenti solo l’acqua salata.

  • Mikael Bolshitkov 3 Maggio 2018

    This man is like herpes, they never go away( sorry for the analogy it’s the only I could think of at the moment) here he is preaching again, I believed he stated to terminate his political career!!!yes herpes.

  • SUGERITI DA TABOOLA