Mattarella è andato oltre, ma gli italiani hanno capito qual è il gioco

28 Mag 2018 13:36 - di Carlo Ciccioli

Riceviamo da Carlo Ciccioli e volentieri pubblichiamo:

Non ci sono dubbi o false interpretazioni. Ormai il gioco è scoperto e non sotto traccia. L’Italia deve rimanere sotto il giogo e la tutela totale di Bruxelles, di Berlino, di Parigi. Non può essere nazione sovrana, ma colonia. Non è Unione Europea, ma Unione Sovietica, e anche questa è una “democrazia a sovranità limitata”. Lo affermava anche Bresnev e quando le cose non erano “politicamente corrette” mandava i carri armati. Qui molto più semplicemente, ti mandano lo spread e ti impediscono l’approvazione del bilancio dello Stato, i fondi internazionali di bombardano e poi viene il crack economico. Esattamente come in Grecia. Poi ti comprano tutto a prezzi di fallimento. Come il porto del Pireo, comprato dagli stranieri. Stavolta però è tutto più complicato, gli italiani lo hanno capito ed il colpo di stato di Napolitano non può essere ripetuto da Mattarella. In Parlamento c’è davvero una maggioranza ostile non all’Europa, ma a questa Unione Europea. Non se ne fanno una ragione. Cito la stampa lobbista internazionale di questi ultimi tre giorni, solo per segnalare. Il quotidiano inglese The Guardian: “strani origini di nuovi governanti d’Italia, cure miracolose ed Eurofobia” e giù attacchi a Giuseppe Conte e Paolo Savona. Il quotidiano tedesco “Frankfurter Allgemeine am Sonntag” : “a rischio i rapporti tra i servizi segreti Italiani e Tedeschi, con un governo amico della Russia”. Il giornale tedesco “Spiegel” titola: “Gli scrocconi di Roma” aggiungendo “che il Trumpismo Italiano è pericoloso quanto l’originale” definendo il Prof. Savona “un odiatore della Germania che dovrebbe entrare nel Governo Italiano”. Per il “New York Times” il “Prof. Conte è un ampiamente sconosciuto Professore di diritto, la cui qualifica principale è la sua volontà di eseguire gli ordini di chi lo a designato”. 

Ma come Renzi si è impiccato da solo, anche questi rischiano di fare una brutta fine. Cominciamo da Mattarella che fino a questo passaggio politico è sempre sembrato il più prudente dei politici; in questo caso si espone oltre misura, aldilà del suo stesso carattere, evidentemente violentato oltre misura dall’estero. In realtà potrebbe essere messo sotto accusa in Parlamento, come previsto dalla nostra Costituzione con una mozione di censura o addirittura di impeachment per alto tradimento degli interessi nazionali, in quanto portatore di interessi estranei al nostro paese. Per la nostra Costituzione la Sovranità appartiene al popolo, che la esercita attraverso il Parlamento. Il Presidente della Camera dei Deputati è del movimento 5 Stelle e la mozione viene iscritta all’ordine del giorno: verrebbe approvata con i voti di Lega, M5S e Fratelli d’Italia, che la condividerebbe. Una volta approvata, comunque sia, Mattarella sarebbe delegittimato e fuori gioco. Crisi istituzionale. Ma a quel punto, se l’Italia va in crisi con  l’Unione Europea, senza l’Italia e con già fuori la Gran Bretagna, salta l’Unione. Cioè salta Bruxelles con tutte le Istituzioni Europee. E l’Italia potrebbe contare sulla solidarietà dell’America di Trump e della Russia di Putin. Macron, la Merkel e Jucher, sono isolati e possono fare i bagagli, con tutti i loro manutengoli. Salta il banco, e forse è un disastro per i poteri forti, ma è molto meglio per gli Italiani e probabilmente per tutti i cittadini Europei, cominciando dai Greci, gli Spagnoli e gli Irlandesi, ma anche per i Francesi che in queste settimane scendono in piazza a milioni contro Macron e per tutti i cittadini dell’Est Europa. È in corso una grande partita, forse la partita finale. Che non ci siano ripiegamenti, i giochi sono chiarissimi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • sergio la terza 3 Giugno 2018

    Ci voleva MUSSOLINI come licenzio la società delle nazioni oggi avrebbe mandato a fare ………..La È. U.

  • Pino1° 31 Maggio 2018

    L’On. (do il loro titolo parlamentare solo a 5 deputati) Salvini ha in mano, grazie a lui e lui solo, non solo la Sua nazione ma molto oltre i rirpistinabili confini del nostro paese e della nostra ancora grande capacità di sviluppo. ci schiacciano perché troppo liberi, troppo geniali nelle nostre menti !
    napoletano e siciliano alla storia verrete consegnati per quello che siete ed il male che ci avete fatto!

  • 30 Maggio 2018

    La Sovranita Italiana e la libertà da Brussels e la schiavitu monetaria di questo fallimento UE..

  • Antonio 29 Maggio 2018

    Resistere o soccombere.

  • Beniamino Truglia 29 Maggio 2018

    É stato realizzato il più grande strappo alla democrazia, ci riprenderemo quello che ci é stato tolto.
    Saranno annullati gli sfruttatori e parassiti del popolo.

  • PAOLO Damicodatri 28 Maggio 2018

    alle prossime elezioni il PD verra’ spazzato via , resteranno solo PDIDIOTI , il gioco si e’ scoperto xche’ non vogliono un governo giallo – verde votato da milioni di ITALIANI VERI e spazzato via il PD che vogliono farlo rietrare a tutti i costi , tremate PDIDIOT

  • Adelio Bevagna 28 Maggio 2018

    Europa……..vi aspettiamo alle prossime elezioni europee. Parassiti tutti a casa, il popolo è sovrano ed ha vinto.

  • marco 28 Maggio 2018

    bisogna ritornare a questo; a noi che siam di modena ci piace tanto il brodo e abbiamo bastonato il prefetto signor bodo.

  • Giovanni 28 Maggio 2018

    l’europa dei popoli stà iniziando ad affondare l’europa dei banchieri catto-comunisti. Basta vedere le elezioni in vari paesi negli ultimi anni. Ormai sono disperati e le tentano tutte ma verranno spazzati via. NO EURO. NO UE. VIVA LE PEN. VIVA SALVINI. VIVA ORBAN.

  • GIAN GUIDO BARBANTI 28 Maggio 2018

    Stai attento a quello che combini ,la misura e’ colma,questo e’ un golpe contro gli Italiani.Solo pidioti e boldriniani sono con lei.Neanche il 20 % dell’elettorato.Classico dei sinistri non mollano mai la poltrona e i soldi.

    • marco 28 Maggio 2018

      pagherà caro,pagherà tutto il male fatto all’italia

    SUGERITI DA TABOOLA