Maroni, altolà a Salvini: «Non puoi fare il ministro e il segretario della Lega»

24 Mag 2018 12:24 - di Redazione

Se Salvini farà il ministro dell’Interno e «avrà bisogno di una mano gliela darò molto volentieri», ma il ruolo a capo del Viminale è «incompatibile con quello di segretario di partito». A dirlo è stato l’ex governatore lombardo ed ex ministro dell’Interno, Roberto Maroni, sottolineando la differenza tra ciò che si può dire ai comizi e ciò che si deve fare al governo.

Lo spunto per la riflessione, affidata a un’intervista a La Stampa, è stata la promessa del leader del Carroccio di dare, nel caso di una sua nomina all’Interno, «mano libera alla polizia». «Non si può fare. Sono cose che si dicono nei comizi, ma poi quando sei lì, ti rendi conto che hai responsabilità enormi», ha detto Maroni, per il quale con il doppio incarico «si rischia di creare dei problemi di cortocircuito e questa è una cosa che Matteo non aveva considerato». «Il ruolo deve essere istituzionale e super partes, sennò non funziona», ha aggiunto ancora l’ex governatore della Lombardia.

Maroni, poi, ha assicurato di escludere un suo ritorno in campo: «Se uno come me decide basta, poi è basta. Guardate Obama, ha smesso di fare il presidente Usa e ora si occupa di altro. Quello è il mio modello. Non sono come Berlusconi che a 80 anni è ancora lì che briga…». Quanto al premier incaricato, Giuseppe Conte, «direi che non è partito benissimo. Si dice che non arriverà a Natale. C’è chi pensa a chissà quali retroscena, ma io credo sia stata solo una scelta superficiale. Alla fine il pressapochismo non paga». «Insomma – ha concluso Maroni – ci sono tutte le premesse perché questo governo non riesca. Ed è per questo che invece riuscirà. Dopodiché non farò il tifo contro. Anzi solidarizzo con Conte perché è un avvocato come me».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • NICO 26 Maggio 2018

    Maroni Tu con il Tuo capo, Bossi, avevate portato, con I vs.sogni secessionisti e con la spudorata gestione del Movimento la Lega al 2% e sarebbe finita lí, se Salvini non avesse azzerato il vecchio Movimento, salvandovi in Tre e vedendo oltre gli occhialini Rossi che porti a risollevarne le sortianalisi facendolo diventare un Movimento Nazionale,esattamente come ilsi M5S!!! Nè Tu, Nè Berlusconi e forsneanche la Meloni, avete capito che. oramai anche l’ultimo Treno è passato sui vecchi binari, ora c’è ITALO!!! Lasciatelo fare a Salvini, non rompetegli I c*******, Voi siete in PANCHINA!!!!

  • eleonora ferrari 25 Maggio 2018

    allora renzi ha fatto addirittura il presidente del consiglio e il capo pd , cosa dice ? nulla vero . eguardi martina ministro fallimentare fin che si vuole ma anche capo del pd . maroni che dice ? zitto vero

  • Luca 25 Maggio 2018

    Bene allora Maroni chiede un direttivo e
    Sfiduci Salvini che ha portato la
    lega Ada essere il primo partito di centrodestra, oppure stia muto!

  • Ben Frank 25 Maggio 2018

    Ma Bobo il rosso non voleva lasciare la politica e farsi solo gli affari suoi? Da quando è “uscito dalla politica” è ogni gorno nei media, quando lo vedremo ad “amici” o a fare il tronista?

  • Laura Prosperini 24 Maggio 2018

    … eccone un altro… è arrivato il seper erooe senza macchia e senza paura…
    certo che se fossis tato tu il segretario del partito, la lega aveva si e nò il 5/7 % (essendo generosi…)
    ma forse era proprio questo l’intento…
    Eterodiretto anche tuu?

  • SUGERITI DA TABOOLA