Madre accoltella la figlia, brucia casa e si suicida: follia alle porte di Roma

28 Mag 2018 9:08 - di Redazione

Follia  a Cecchina di Albano, vicino Roma. Una donna ha accoltellato la figlia 18enne, dato fuoco alla casa e poi si è lanciata dal quarto piano. Si tratta di un omicidio suicidio. Una madre marocchina di 43 anni ha ucciso la figlia 18enne al culmine di una violenta lite. Le grida tra le due donne sono state sentite dagli inquilini del palazzo, ma non c’è stato tempo per chiedere aiuto. Poco dopo dal palazzo si sono levate le fiamme ed è stato il panico.

La tragedia è avvenuta in via Francia a Cecchina, frazione di Albano, alle porte di Roma. I vigili del fuoco hanno sfondato il portone ma per la ragazza non c’era più niente da fare. Era sul pavimento in un lago di sangue, uccisa con una coltellata alla gola. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo e della stazione di Cecchina per capire i motivi del tragico gesto. Si sa che tra le due donne da qualche tempo c’erano forti attriti, ma sembravano integrate, la madre lavorava e la figlia frequentava il liceo con profitto. Il padre non vive in Italia. Il palazzo è stato evacuato. I vigili del fuoco hanno immediatamente spento le fiamme nell’attico al quarto piano e verificato la staticità dello stabile.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA