Fedriga: «Ci riproviamo con il M5S. Ma Di Maio non cambi idea per la quarta volta»

2 Mag 2018 11:00 - di Federica Argento

“Da cittadina mi preoccupa un governo a guida Salvini”. Le parole dell’ex ministra del Lavoro Elsa Fornero, ospite di Circo Massimo su Radio Capital sono parole di miele per il neo governatore del Friuli Venezia Giulia, il leghista Massimiliano Fedriga, ospite anche lui di Circo Massimo: «Non può che renderci contenti la sua preoccupazione, partiamo da presupposti lontanissimi, lei è l’artefice di una riforma dannosa e noi orgogliosamente la facciamo preoccupare». Abolire o modificare sostanzialmente la riforma delle pensioni che tanto sconquasso ha portato nella vita delle persone è uno degli atti che il centrodestra porterà a compimento quando avrà la possibilità di governare.

Il centrodestra è pronto a governare con le idee chiare, spiega Fedriga. «Noi aspettiamo le decisioni del Presidente Mattarella confidando nella sua saggezza, faremo tutti gli sforzi per capire se i 5 stelle cambieranno per la quarta volta idea, mentre noi non abbiamo mai cambiato posizione dopo il 4 marzo». Buonsenso, responsabilità, sono le parole usate dal governatore del Friuli. «Superiamo la stagione dei voti e contro veti – è il suo invito – la stagione del voglio fare io il presidente del consiglio a tutti i costi», ribadisce Fedriga invitando i 5 Stelle alla «responsabilità», sperando in un loro «ravvedimento». Alla Lega per un governo mancano «50 voti, e non sono pochi. Speriamo che il nostro appello sia colto», altrimenti «torniamo al voto». A chi gli chiede poi se, in Europa, il modello a cui ispirarsi per la Lega sia Viktor Orbàn, Fedriga risponde: «Ha fatto ottimamente gli interessi del proprio paese – replica Fedriga – hanno tentato di farlo passare come orco europeo, estremista europeo, ma non lo è affatto. Ha solo difeso gli interessi del proprio Paese».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Angela 3 Maggio 2018

    Mi piacerebbe che anche Salvini difendesse gli interessi del nostro Paese,una volta eletto Presidente del consiglio.

  • Giuseppe Forconi 3 Maggio 2018

    Ma perche’ non portate Di Maio al luna park, potrebbe divertirsi con gli altri bambini, tenendolo lontano dalla politica, li si divertirebbe di piu’.

  • Pino1° 3 Maggio 2018

    Piangeva, poverina, mentre attuava volontà altrui camuffata dietro un’antica laurea e tanti, ma proprio tanti, soldi in tasca! Se ne distribuisse alle migliaia di famiglie in miseria che ha lasciato dietro la scia della sua professorale legge e dietro l’aumento del debito conseguente ai rattoppi-esodati della sua sciagurata professorale-ministra-leggina ?! Ovviamente se li tiene nelle sue ricche tasche ! Dietro quel viso che -rappresenta adeguatamente la bellezza della sua leggina-, pontifica la pericolosità di un governo che al momento vuole mettergli sopra un tratto di matita blu’ ! E’ talmente presuntuosa che non prende, lei, in esame, il piccolissimo intoppo che sono milioni di italiani che lo vogliono! Differenza insignificante, per una cattedratica del suo livello che vola talmente in alto da non vedere nemmeno chi gli paga uno stipendio di platino. Il drammatico palese fallimento del suo esame professorale ne autorizzerebbe la cancellazione dal ruolo e messa in quiescenza con il divieto a qualunque apparizione od incarico pubblico a salvaguardia degli studenti da simili inetti professori!

  • SUGERITI DA TABOOLA