Case popolari, Nardella: «Prima gli italiani». Salvini: «Finalmente l’hai capito»

4 Mag 2018 9:54 - di Roberto Mariotti

Il sindaco di Firenze si arrende all’evidenza, sulle case popolari è il momento di voltare pagina dando la precedenza agli italiani. La decisione di Dario Nardella coglie di sorpresa i suoi stessi compagni di partito e soprattutto la sinistra toscana: «Più punti a chi abita in città da più tempo», dice. In sostanza, prima gli italiani. Sono 2500 le persone in lista d’attesa per una casa popolare, le regole per l’accesso alle graduatorie degli alloggi pubblici vanno modificate. «Il nostro obiettivo è aiutare chi è in graduatoria da troppo tempo ed è sempre in fondo alla lista – sostiene Nardella –. Vogliamo dare una mano a quelle famiglie che hanno sempre rispettato le regole e che vivono da molti anni nella nostra città, per riequilibrare una concentrazione eccessiva di famiglie straniere». Poi cerca di giustificare la scelta, per non apparire troppo vicino alle posizioni del centrodestra. E su Facebook parla di pericolo ghetti: «Non possiamo correre il rischio di creare ghetti di famiglie straniere come nelle periferie francesi. Per questo, da ora in poi, è necessario aumentare la soglia dei 5 anni di residenza». Ma è chiaro che tutto questo sottintende che, negli ultimi tempi, la precedenza è stata data agli immigrati. Immediata la reazione del leader della Lega: «Meglio tardi che mai, anche il Pd dà ragione alla Lega: prima gli italiani», scrive Matteo Salvini su Facebook.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • sergio 5 Maggio 2018

    I coglioni rinsaviscono? Sicuramente no. E allora c’e’ qualcosa sotto.

  • pierino 5 Maggio 2018

    Vista la perdita di consensi a seguito di una politica di accoglienza scellerata, ora si accorgono dei precari Italiani. Meglio tardi che mai. Spero non sia una boutade a breve termine.

  • Erminia Fusi Benini 5 Maggio 2018

    Consideriamo che gli immigrati fanno molti figli (anche con le seconde e terze mogli che dichiarano essere parenti) e quindi salgono sempre ai primi posti nelle liste di attesa. Pensiamo prima agli Italiani che necessitano di un tetto sulla testa e… poi a tutti gli altri!!

  • Raffaele Boschini 5 Maggio 2018

    Ha scoperto l’acqua calda…

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 5 Maggio 2018

    Meglio tardi che mai. Ma stiamo zitti: non so se dice cosí pro bono pacis col Centro-Destra per poi far di nuovo la banderuola… Da quella gente c’è da aspettarsi di tutto – e il contrario di tutto!
    Mario Salvatore Manca

  • ADRIANO AGOSTINI 5 Maggio 2018

    Forse è l’unico che ha capito che lo sconsiderato atteggiamento del PD sull’immigrazione è il maggior responsabile della drastica sconfitta. Gli altri (Boldrini, Grasso, Del Rio e anche gentiloni) ancora pensano allo ius soli!

  • amerigo 5 Maggio 2018

    Ha presa la tessera della Lega?

  • Giuseppe Tolu 4 Maggio 2018

    Ha toccato le palle del cane e si è accorto che era maschio!

  • SUGERITI DA TABOOLA