Brambilla contro Raggi: pecore tosaerba? È sfruttamento degli animali

venerdì 18 maggio 16:31 - di Redazione

Dove non arriva il servizio Giardini si metteranno al lavoro, brucando l’erba, ovini e bovini. L’annuncio dell’assessore all’Ambiente del Comune di Roma durante una diretta su Fb ha scatenato l’ironia dei social ma anche le lamentele degli animalisti. In primis si è scagliata contro il Campidoglio Michela Vittoria Brambilla, presidente del Movimento animalista. «Con queste dichiarazioni pastorali dell’assessore “competente” si prendono in giro i cittadini — ha detto Brambilla — inaugurando un nuovo genere di sfruttamento degli animali, sommamente politico: quello attuato per nascondere l’incapacità amministrativa, cioè la mancanza di un progetto serio di riorganizzazione e potenziamento del Servizio Giardini. Meglio affidarsi quindi a bovini e ovini, in attesa di reclutare anche i caprini, e poco importa se il traffico li spaventerà o li stresserà». Secondo l’assessore Pinuccia Montanari sarebbe stata proprio Virginia Raggi a sollecitare l’uso delle pecore come tosaerba, riprendendo una sperimentazione già in atto a Berlino. Ma senza guardare oltre i nostri confini c’è chi ricorda, e lo fa il Corriere, che quando era presidente della Provincia di Treviso il leghista Luca Zaia provò ad arruolare gli asini per lo sfalcio dell’erba alta. Esperimento non riuscito visto che gli animali si rivelarono poco “produttivi”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giacomo loreto 20 maggio 2018

    Anche in Svizzera, la Raggi ha fatto benissimo

  • giacomo loreto 20 maggio 2018

    E pure in Svizzera

  • giacomo 20 maggio 2018

    E svizzera

  • riccardo cricelli 19 maggio 2018

    No mischiamo le nazioni dove hanno pascoli verdi con Roma, in altre nazioni dopo le pecore passano per la raccolta del letame, vorrei vedere le persone al parco con paletta e cestello a raccogliere le feci degli ovini, non diciamo eresie, prendete i vostri amici di colore clandestini e fateli lavorare con falcetto e sacco e cosi’ si ripagano il soggiorno gratuito oppure i lavoratori dalle uova d’oro devosono restare in panchina a bofonchiare?

  • Adriana loly Marcheggiano Clarke 19 maggio 2018

    È un’istigazione all’abigeato. Povere pecore. Finiranno tutte ammazzate dalle civilissime persone che hanno invaso il nostro Paese e che, guarda caso, mangiano carne di pecora.

  • 18 maggio 2018

    Questo metodo e usato in molte nazioni da Australia, New Zealand, USA, Canada,non è sfruttamento di animali….

  • In evidenza