Sanguinoso attentato nell’Afghanistan “liberato”: decine di morti e feriti

domenica 22 aprile 11:51 - di Redazione

Non si ferma la violenza in Afghanistan, dove l’intervento armato americano e degli altri Paesi occidentali è servito solo a peggiorare la situazione. Con un comunicato inviato all’agenzia di stampa Amaq, lo Stato islamico ha rivendicato la responsabilità nell’attacco suicida di questa mattina contro un centro di registrazione degli elettori allestito in una scuola di Kabul. L’attentato, secondo l’ultimo bilancio fornito dal portavoce del ministero della Sanità afghano, Wahidullah Majroh, ha fatto almeno 31 morti e 54 feriti. Il portavoce del ministero degli Interni, Najib Danish, ha riferito che il terrorista suicida, a piedi, con indosso un giubbetto esplosivo, si è fatto saltare in aria fuori dalla scuola, situata in un distretto a maggioranza sciita. L’attentato è avvenuto nella zona occidentale della capitale afghana. Secondo quanto riferito dall’emittente 1 Tv, “l’esplosione è avvenuta di fronte ad una scuola utilizzata per la registrazione degli elettori nell’area di Qala-e-Nazir”. Il primo aprile scorso, la Commissione elettorale indipendente aveva annunciato che le elezioni parlamentari – già rinviate un paio di volte – si terranno il prossimo 20 ottobre, otto anni dopo l’ultimo voto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza