Renzi torna a farsi coccolare da Fazio: “Nessuno tradirà, Pd mai col M5S”

domenica 29 aprile 22:53 - di Monica Pucci

“Su 52 senatori Pd, almeno 48 devono votare a favore. Io di disponibili alla fiducia a Di Maio non ne conosco uno”. Matteo Renzi, parlando a “Che tempo che fa“, sceglie il salotto amico, che torna a coccolarlo come quando era potente, per sbarrare la strada a un governo Pd-M5S e assicura che “traditori” in vista non ce ne sono. “Il Pd ha perso – ha ribadito Renzi – Tocca a Salvini e Di Maio governare. Il governo lo deve fare chi ha vinto, se ne è capace. Non possiamo con un gioco di palazzo rientrare dalla finestra”, dice l’ex premier. Che aggiunge: “O fanno il governo i populisti che hanno vinto o loro facciano una proposta di riforma costituzionale e per cambiare la legge elettorale, il problema delle elezioni non nasce il 4 marzo, ma il 4 dicembre sul referendum sul futuro dell’Italia”.

Collaborazione sulle regole da scrivere, dunque, ma non sul governo:  “Siamo seri, chi ha perso le elezioni non può andare al governo, non possiamo far passare il messaggio che 4 marzo è stato uno scherzo”. “Sette italiani su dieci hanno votato per M5s o per la Lega”, ha ricordato.

Poi Renzi, grazie a un assist di Fazio, passa a parlare dei Cinquestelle e dei nuovi scandali: “Sicuramente sì”, risponde alla domanda se ritenga grave, secondo quanto denunciato da un’inchiesta de “Le Iene”, che il presidente della Camera Roberto Fico abbia una collaboratrice domestica che paga in nero nella casa della compagna. “Il concetto è molto semplice – ha detto Renzi – Non puoi dire ‘io facevo beneficenza e lei si sdebitava’. E’ giusto che Fico venga in Parlamento a chiarire”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza