Meloni: «Non si perda altro tempo, Mattarella dia l’incarico a Salvini»

lunedì 30 aprile 13:53 - di Guglielmo Federici

«Il centrodestra stravince in Friuli Venezia Giulia. Fratelli d’Italia vicina al 6% è un grande riconoscimento per chi da sempre difende i diritti e i bisogni degli italiani. E questo risultato è anche un’indicazione chiara per il presidente della Repubblica, Mattarella. Adesso ci aspettiamo subito un mandato a formare il governo per il centrodestra e ci aspettiamo che non si perda altro tempo e che chi ha perso le elezioni – Pd e M5S – rispettino il voto degli italiani e non mettano i bastoni tra le ruote». È l’analisi della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Orgogliosa dell’ottimo risultato del suo partito ma ancor più del successo complessivo del centrodestra che apre una pagina decisiva per la guida del Paese. «Noi chiediamo un mandato per il centrodestra – ha continuato Giorgia Meloni – crediamo che non si possa prescindere da questo. Lo diciamo dall’inizio e oggi lo ribadiamo al presidente Mattarella: andiamo a vedere se in Parlamento ci sono i voti per una maggioranza su alcune cose da fare. E il Pd e il M5S, che hanno perso sia le elezioni politiche sia queste elezioni regionali, ci diano la possibilità di governare».

Meloni: «Di Maio come un bambino capriccioso»

Dopo la lunga diretta su Fb di un Di Maio in piena confusione, che ha chiesto elezioni al più presto, Giorgia Meloni ha comentato caustica: «Luigi Di Maio, come un bambino capriccioso, pur di non ammettere la sconfitta, vuole portarsi via la palla e non far giocare la partita a chi la può vincere. Il suo imbarazzante appello è: visto che non faccio il premier io, non lo fa nessuno. Ma l’Italia non può restare ferma per la fame di poltrone di Di Maio».

Rampelli: «La voglia di cambiare è interpretata dal centrodestra»

«Se oggi si votasse in Toscana il centrodestra probabilmente vincerebbe anche lì. Basta colpi di mano, da di Di Maio o dalle consorterie, no a governi incestuosi tra grullini e renziani, no a governissimi deleteri modello Mario Monti… ognuno conservi le sue idee, ma il centrodestra è arrivato primo e, pur nel caos di una legge elettorale senza premio di maggioranza, né maggioritaria né proporzionale, che aveva lo scopo preciso di sbarrare il passo ai vincitori del 4 marzo, ha il diritto di costruire il nuovo governo». E’ quanto dichiara in una nota il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Fabio Rampelli, aggiungendo che «le elezioni in Friuli Venezia Giulia, dove governava il Pd, dimostrano che il desiderio di cambiamento espresso dagli italiani è oggi interpretato dal centrodestra. Il Capo dello Stato ne prenda atto e conferisca l’incarico a Salvini», ribadisce il capogruppo alla Camera di fratelli d’Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mikael Bolshitkov 1 maggio 2018

    The new and Independent north Italy,Aosta, Como, Bolzano, Trieste, these would be the main cities of the new and Indepedent country of North Italy….forget all the rest of Italy, it has become a cesspool….very soon your tourism will end and you will have a economic devastation…

    • marco eletti 2 maggio 2018

      I like what you are telling.

  • Mikael Bolshitkov 1 maggio 2018

    Freedom and Independence from Italy for people who believe in a true democracy, not this spectacle of clowns….FREEDOM FROM ROME AND ITALIAN COMMUNISM!!! Screw these coalition governments…Alto Adige, Venezia, Trentino, FREEDOM FROM THE CLOWNS IN ROME…CREATE YOUR INDEPENDENCE!!!!

  • 1 maggio 2018

    Separiamo Italia il Nord Est indipendente da Italia!! No si può più vivere co i pagliacci di Roma.

  • giorgio 1 maggio 2018

    il presidente di tutti gli italiani, come da costui dichiarato, e’ stato messo cola’ da Renzi, ma come tale, cioe’ presidente di tutti, non puo’ non tenere conto dei risultati ancor piu’ che evidenti e chiari delle ultime tornate elettorali. A questo punto pero’ biswogna vedere quello che vuole Salvini e come intenda gestire la situazione. A latere occorre considerare anche la figura di m…….., Cacciari docet, delM5s che voleva fare il governo o/o, basta avere la presidenza del consiglio. A mio avviso Di Maio e Fico farebbero meglio a tornare ai loro lavori, alias occupazioni, originarie.

  • Mauro Garlaschelli 1 maggio 2018

    …totalmente d’accordo…

  • Gaetano 1 maggio 2018

    L’ape Maio canta vittoria,Salvini altrettanto e lo stesso fa la destra unita.Se non fosse stato affossato il referendum,oggi avremmo avuto un governo.Per mandare a casa Renzi si è votato contro il referendum.Sarebbe andato a casa dopo qualche mese per l’insuccesso elettorale e non per l’inciucio fra traditori del PD,Casaleggio associati e destra unita.La signora Meloni sa benissimo che nell’attuale situazione non può essere dato l’incarico a chicchesia.Tanto le regole anche se si conoscono non vuole rispettarle nessuno.

  • 1 maggio 2018

    E’ giunto il momento che il Presidente batta un colpo: incarico a Salvini o elezioni subito, senza se e senza ma!

  • paolo mario Pieraccini 1 maggio 2018

    Sarà molto difficile che Mattarella dia l’incarico a Salvini, sarebbe un miracolo ed io non credo ai miracoli. Costui fa parte del sistema, è parte del sistema,messo lì da Renzi e dalla sua ormai sgangherata combriccola di lestofanti.Vedo buio.

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 1 maggio 2018

    Se Mattarella avesse gli “attributi” giusti, non impiegherebbe né uno né due per affidare al Cavaliere o a chi per lui l’incarico di formare un “governo di transizione” per quei tre o quattro affari amministrativi, tipo legge elettorale (proporzionale o maggioritario, poco importa, pur che senza papocchio: o tutto da una parte o tutto dall’altra, soprattutto il divieto assoluto di cambio di casacca pena le immediate dimissioni senza se e senza ma), infine il divieto di formazione di centomila partitini e fazioni che non farebbero che confondere le idee. Tertium non datur. Dopo di che la corsa alle urne. Ma purtroppo ci dovremo godere cinque anni di questa manfrina.
    Mario Salvatore Manca

  • giorgio 1 maggio 2018

    Salvini non ha trattato male tutti, ha semplicemente detto la verita’.Il problema italico si chiama politicamente corretto che distorce la realta’ ed in nome del quale si vuole abolire ad esempio la festa della mamma e del papa’ per dirne una, in nome del quale si sopportano le esibizioni becere dei gay, ad es,gay pride, o le esibizione ugualmente becere di”balando con le stelle”, classico esempio di politically correct.La verita’ non si deve dire anche se esiste ed e’ la realta’, occorre quindi cambiare rotta e rinsavire, in fretta.

  • Clemente Orlandi 1 maggio 2018

    Sono pienamente daccordo

  • alberto caioli 1 maggio 2018

    Sarà molto complicato: è troppo comunista, messo lì da Renzi sicuramente con determinate garanzie che deve fornire! Quindi, salvo la possibilità sua di capire il voto degli Italiani, ma non lo reputo tale, andremo i nuovo al voto per chiarire le forze in campo! Salvini dovrà ancora avere grande pazienza con questo soggetto.

  • Francesco Desalvo 1 maggio 2018

    Per avere una buona probabilità di raccogliere in Parlamento i voti necessari l’incarico dovrebbe essere dato a Giorgetti o ad un altro moderato della Lega. Salvini ha trattato male tutti ed avrebbe risposte negative da tutti.

  • Gaetano Bruno 1 maggio 2018

    Di Maio come Renzi: o loro o nessuno!La cosa più triste è che l’informazione in senso lato del nostro paese,continua a vedere il Pd come l’unica salvezza per l’Italia,dimenticando troppo spesso i fallimenti storici, mentre non vuole riconoscere pari diritto politico a chi non condivide quella impostazione. Voglio ricordare che nel cosiddetto Centro Destra, ci sono idee liberali riformiste repubblicane completamente ASSENTI nelle formazioni Pd 5Stelle.Grazie

  • Angelo 1 maggio 2018

    Mattarella non ha spina dorsale, aspetta che il criminale Napolitano gli dica cosa fare e sarà un governo tecnico alla faccia degli italiani !

  • Angela 1 maggio 2018

    Andiamo subito al governo dell’Italia,gli italiani vogliono il centrodestra come guida del Paese e il presidente Mattarella non può non tenerne conto.

  • In evidenza