M5S-Pd, Fico ottimista. Meloni: «Vergognoso un governo senza destra» (video)

giovedì 26 aprile 18:13 - di Redazione

Il volto è tirato ma sorridente, quando Roberto Fico esce dalla saletta del Quirinale dove ha riferito al presidente Mattarella sull’esito delle consultazioni con i Cinquestelle e il Pd. Nessuna proroga, però. «Il mandato che mi ha affidato il Presidente della Repubblica ha avuto un esito positivo e si conclude oggi, ovvero è avviato il dialogo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito democratico», ha detto il presidente della Camera, “esploratore”. Nei prossimi giorni – ha ricordato Fico – «ci sarà anche un dialogo all’interno del Movimento e del Partito democratico. Credo che sia importante, ragionevole e responsabile rimanere sui temi, sui programmi che sono il centro degli interessi di tutti i cittadini italiani».
«Oggi è la giornata del Pd e dei cinque stelle… Non voglio portar via a loro la gloria… oggi è la loro festa…», dice Matteo Salvini arrivando a Montecitorio mentre sono in corso le consultazioni dell’esploratore Roberto Fico, ironizzando sullinciucio che sembrava impossibile.

Durissima, invece, Giorgia Meloni, in questa intervista rilasciata nel pomeriggio: «Siamo in attesa di capire che cosa accadrà nelle prossime ore. Sarebbe vergognoso se alla ci dovessimo ritrovare un Governo in cui chi è arrivato secondo, terzo o sesto, si mettono insieme contro il parere dei cittadini», dice la leader di Fratelli d’Italia intervistata a margine del tour di due giorni in Friuli-Venezia Giulia.

video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giampiero 28 aprile 2018

    Ci fanno votare per farci credere che siamo ancora in democrazia, ma cosi non è. Il comunismo striscia ancora tra noi. Ol comunismo in Italia non è mai decaduto. Per sradicarlo ci vuole la forza e l’azione decisa .

  • Gino gasparini 27 aprile 2018

    Siete sicuri che M5S e PD formeranno un governo insieme? Personalmente ritengo la cosa altamente improbabile perchè sancirebbe un abbraccio innaturale tra un soggetto che voleva di eliminare l’altro con una legge elettorale di cui poi è stata invece la vittima, E ben gli sta- Domandiamoci piuttosto perchè è stata promulgata questa sconcezza del rosatellum con sette voti di fiducia. Aberrante……

  • Laura Bovati 27 aprile 2018

    Quanto sta accadendo è antidemocratico ma non incredibile. Da decenni i comunisti (qualsiasi nome si diano adesso sempre la stessa razza sono) occupano con i loro tutte le posizioni di potere esistenti in questo povero paese, a partire da quella di presidente della repubblica. Ma come si poteva pensare che sarebbe finita in modo diverso?!? Spero di riuscire ad abbandonare questo paese il prima possibile. Non mi riconosco più in nulla qui!

  • giorgio 27 aprile 2018

    a completamento: tutti hanno inteso che le alleanze fossero solo quelle fatte prima della tornata elettorale, evidentemente non e’ cosi’, alleanze si devono intendere tutte, prima e dopo, meditiamo tutti sul disegno degno di un bizantino.

  • giorgio 27 aprile 2018

    ho ascoltato ieri sera con un certo interesse e totale sbigottimento le elucubrazioni dei giornalisti, meglio sarebbe dire giornalai,in quel di “piazza pulita” sulla 7, l’unica riflessione che mi sento di fare e’: costoro ci sono o ci fanno? il voto espresso dai Cittadini vale ancora per codeste persone oppure no? siamo in un regime democratico oppure tale regime vale solo quando pare a loro? per molto tempo si sono avute le “congiure di palazzo”, che sia giunto il momento degli “inciuci di palazzo” con tanto di benedizione urbi et orbi?

  • Francesco Desalvo 27 aprile 2018

    Era chiaro fin dai primi giorni dopo il 4 marzo che fra i 3 (centrodestra, 5stelle e Pd) 2 su 3 dovevano mettersi d’accordo per avere una maggioranza parlamentare. Tertium non datur.
    Non riesco a capire perché Salvini si sia tagliato i ponti alle spalle dicendo e continuando a ripetere “mai con il PD”, (e la Meloni lo ha seguito) “mai col PD”.
    Berlusconi, che è molto più esperto ed intelligente dei due aveva cercato in tutti i modi di tenere aperta la “via di riserva” verso il PD, ma Salvini aveva bloccato senza riserve questa possibilità. E , sia pure con maggior prudenza, anche la Meloni.
    In tal modo si era messo in condizioni di inferiorità verso Di Maio che invece avendo astutamente lasciato aperta la via dei due forni si era messo in vantaggio su Salvini che non aveva altra via. Dubito che l’astuzia dei due forni fosse del Di Maio, più probabilmente del (marchese del) Grillo che era vissuto all’età di Andreotti. Bella coppia di gatto e volpe che hanno messo in trappola Pinocchio.
    Inoltre Salvini aveva giustificato il suo rifiuto al PD dicendo che aveva governato male e quindi andava punito. Si è rifiutato di prendere in considerazione che il PD aveva cercato di correggere “in itinere” alcuni dei propri errori. Calenda, dopo aver fatto un buon lavoro a Bruxelles in difesa dei diritti italiani aveva fatto un ottimo lavoro al ministero dello Sviluppo economico combattendo le volontà di abbandono di alcune multinazionali e salvando posti di lavoro. Minniti aveva invertito la politica del nullafacente Alfano e ridotto l’affluenza dei clandestini. Un esponente del PD in una trasmissione (non ricordo quale) aveva detto che sarebbe stato d’accordo a migliorare la Job act e la legge Fornero. Eccetera.
    Un Salvini intelligente avrebbe potuto lasciarsi “una carta di riserva” e non polemizzare con Berlusconi solo perché aveva detto la verità sull’antidemocraticità dei 5stelle. A proposito di antidemocraticità vorrei solo ricordare che alle primarie per il sindaco di Genova aveva vinto una donna, ma non piaceva al marchese del Grillo che aveva annullato le primarie ed aveva candidato un suo amico. E Salvini pensa che se andassero al governo col PD non farebbero cose simili?
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso. E se capitasse un’altra possibilità, lasci trattare chi è più capace di lui.

  • Angela 27 aprile 2018

    Purtroppo hai ragione! se vincono i governi di centrodestra li fanno cadere…Mentre i governi di sinistra governano senza essere stati eletti dal popolo ,sarebbe ora di ribellarsi seriamente.

  • Marco 27 aprile 2018

    Pd e 5stelle faranno 1 governo melma, spero che la prossima volta gli italiani votino in massa per il centrodestra.

  • Silvia 27 aprile 2018

    Ma il voto del popolo italiano non conta niente?
    Poveri noi!!!!!!

  • Lorenza ceccaroni 27 aprile 2018

    Mi sento colossalmente e solennemente presa in giro.

  • Lorenza ceccaroni 27 aprile 2018

    Vince uno ma governano gli altri
    Non ne posso più di questo paese, dove neanche il voto vale più nulla. Siamo sotto una monarchia assoluta mascherata da democrazia. Ultima volta che sono andata alle urne, questa. Tanto non conta nulla. E anche ultimi anni che resto in questo paese, se dio vuole.

    • Marco 27 aprile 2018

      Il sistema bipartitico soluzione semplice ed efficace, basta rimborsi elettorali, diminuzione stipendi.

  • Brigante nero 27 aprile 2018

    M5S e PD insieme si accomodino pure il cdx unito può smontare l’inciucio e continuare per una buona politica rivendicando sempre il suo programma

  • Giuseppe Forconi 27 aprile 2018

    La stramaledetta legge elettorale che i bastardi comunisti non hanno mai voluto promuovere perche’ sapevano che sarebbe riuscita a loro favore. Ammasso di bastardi avete rovinato l’Italia , ma l’Italia vi si rivolgera’ contro con una tremenda guerra civile. Chiamate a raduno quegli altri 5000 bastardi dell’anpi e armatevi fino ai denti perche’ tanto mangerete polvere.

  • Fabrizio 27 aprile 2018

    Puoi obiettare che al PD ed ai suoi punti di programma, gli italiani hanno detto uno stentoreo NO! Non andava neanche presa in considerazione l’ipotesi che potessero go ernare. Ovviamente in un eventuale ennesimo colpo di Stato, facendo il governo con i m5s, alcuni punti del loro programma li riproporrebbero e questo è un insulto per chi li ha bocciati! VERGOGNA. E anche Mattarella dimentichi di essere stato messo lì dal PD e si ricordi i suoi sacri doveri di eseguire la volontà popolare! VERGOGNA!

  • stefano ferrioli 27 aprile 2018

    Fratelli d’ Italia ha sempre criticato questa legge elettorale, è i fatti ora ci danno ragione! Premetto che andate al governo con i 5 stalle mi faceva ribrezzo, ora purtroppo dobbiamo assistere a questo inciucio istituzionale.
    Speriamo che si cambi presto questa legge elettorale che fa schifo e che possiamo andare a votare presto per eleggere un governo final.ente leggitimato dagli Italiani

  • 27 aprile 2018

    Sono di destra….”fascista” e per questo mi sento umiliato dalla situazione che si è venuta a creare, però c’è da dire che la legge è stata votata da molte forze al governo ed i risultati erano prevedibili, perchè nessuna contestazione, perchè nessuna manifestazione a salvaguardia degli interessi dei cittadini che si sarebbero dovuti recare alle urne…..
    Ora la Lega, la Meloni e compagni si ritroveranno con una maggioranza di italiani che ha scelto la destra che dovrà sottostare ad una minoranza che ha scelto il comico e gli ex comunisti….unica cosa che li accomuna e per la quale sicuramente faranno un governo insieme l’odio sviscerato per berlusconi, finalmente potranno realizzare il progetto di espoprio proletario delle sue reti mediaset.
    Certo anche il Cav. ha le sue colpe, quante serpi in seno ha nelle sue reti Mediaset….centinaia, sarebbe ora correre ai ripari e fare un po di repulist…..

    • Marco 27 aprile 2018

      Two_party system unica soluzione.

    • Giuseppe 27 aprile 2018

      Condivido.. tuttavia penso che Di Maio in accordo a quanto aveva detto prima delle elezioni in caso non avesse ottenuto i voti per governare.. avrebbe proposto agli altri partiti partiti un accordo con alcuni punti importati comunque condivisibili.
      È stato proposto alla Lega.. ma è momentaneamente saltato per vari vincoli di coalizione ( in effetti Salvini è legato mani e piedi a Berlusconi..) poi si è rivolto al PD.. che ha preso tempo perché ci sono tanti se e tanti ma..
      Nel PD comanda ancora Renzi che non vuole accordo con il M5S.. quindi mi aspetto che fallisca (come si augura Di Maio) perché l’intenzione reale è quella di fare accordo di Governo con Salvini.. nel frattempo il PD si auto distruggerà… facendo un favore alla Lega..
      Il problema vero è Berlusconi.. ma Salvini troverà il sistema di convincere Di Maio per un governo.. almeno per modificare la legge elettorale è gestire le nuove elezioni..

  • Maurizio 27 aprile 2018

    Puoi obiettare che FDI non ha mai votato questa legge, e da sempre la Meloni sostiene la necessità di introdurre il premio di maggioranza. Sta anche cercando di farlo approvare al più presto ( il premio di maggioranza e la revisione della legge ) in modo che, in caso si dovesse tornare al voto, non si ripetano queste situazioni incresciose. Bisogna comunque cambiare la costituzione

  • maurizio turoli 27 aprile 2018

    Cara Giorgia, perchè scandalizzarsi?
    La dstra, che ha il consesno popolate, è antitetica agli interessi di chi ha sempre governato in Italia.
    Si ptovi a chedere perchè i governi del centro destra sono tati fatti cadere dal dulice attacco magistratura e partiti che ne compnevano lamaggioranza?
    Gli avvisi di garanzia a Belusconi, le olgettine (usate con Berlusconi proprio come la spia russa che causò la caduta del gverno presieduto da Harold Macmillan nell 1961) i voltafaccia di Bossi, Casini e, da ultimo, Fini.
    Anco aparlamenti non scolti in quanto rappresentavano non lavolontà popolare ma la volonta dei un paio di Presidenti dellarepubblica, sette anni di governi eletti da nessuno.
    Adesso assistiamo lla fasefinale di un progetto strategico eleborato in seno allaFondazioni Agnerlli giaà nel lontano 1974.
    OnolervoleGiorgia si rassegni.
    Noi non governeremo mai.
    Siamo ntitetici agli interessi della Commissione Trilaterale, di Soros (molto ONG operanti in Italia fanno capo a lui), di De benedetti (tessara n° 1 del PD), di Cairo (mentore dei 5Stelle, padrone della rete tv “la/” dell gruppo RCS).
    A proposito di Cairo, cara onerevole Giorgia, si chieda come mai i 5 Stelle vogliono espropriare (con la scusa di un conflitto di interessi, che ormai non esite più) Mediaset?
    Si rassegni, o meglio rassegnamoci.

    • Angela 27 aprile 2018

      Purtroppo hai ragione! se vincono i governi di centrodestra li fanno cadere…Mentre i governi di sinistra governano senza essere stati eletti dal popolo ,sarebbe ora di ribellarsi seriamente.

  • Angela 27 aprile 2018

    Ma chi ha fatto una legge elettorale dove chi arriva secondo e terzo governano insieme e chi arriva prima no?

  • Ilconsole 27 aprile 2018

    Mino, la legge elettorale attuale non va bene, ma sappi che la Meloni ha votato contro. La cosa vergognosa èil fatto che il sinistrinoMattarella, dia alla destra 2 giorni di tempo per trovare un accordo, mentre al fico e alla sinistra, lascia loro tutto il tempo che vogliono.

  • luigino 26 aprile 2018

    Occorre cominciare a considerare le maniere forti. Ci stanno eliminando fisicamente con la guerra demografica, per cui si tratta di sopravvivenza e sacrosanta legittima difesa. Basta chiacchiere. A NOI!

  • Mino 26 aprile 2018

    Al sottoscritto la cosa non piace, però c’è una legge elettorale (fatta da chi?)e se viene applicata e rispettata, se vengono fuori cose che non ci piacciono non possiamo urlare allo scandalo.Questo mi dicono conversando i miei amici che la pensano in modo opposto al mio. IO COSA POSSO OBBIETTARE?

    • giorgio 27 aprile 2018

      la legge elettorale l’ha scritta e prima pensata, vedi un poco, tale Rosato, PD, e prevede le alleanze. Alleanza e’ il centro destra che ha vinto le elezoni, alleanza alla quale non e’ venuto meno Salvini ( ed ha fatto bene oltre tutto mostrando coerenza e corretteza), ma nel contempo alleanze possono essere anche “”altre”” , ad esempio quelle che scaturiscono dai “forni”; meditiamo gente, meditiamo.

    In evidenza