Getta dal settimo piano il cagnolino del figlio, poi prende a calci i poliziotti

giovedì 19 aprile 13:19 - di Adriana De Conto

“Tutte ste pagliacciate…è solo un cane!”.  La follia non ha limiti. Queste le parole sono state pronunciate da un papà, un 44enne romano, agli agenti della polizia che stavano confortando il figlio a cui aveva appena ucciso, lanciandola dal 7° piano, la sua cagnolina. La chiamata, giunta al 112 nel pomeriggio di mercoledì, parlava di un uomo che aveva lanciato un cane dal 7° piano; i poliziotti intervenuti hanno subito individuato l’abitazione e sotto di essa, in un parco, hanno trovato un’adolescente in lacrime che stringeva al petto la femmina di Jack Russell che il padre aveva di fatto ucciso. Un gesto folle due volte. Un gesto senza cuore. Quando ormai si era formato un capannello di gente è arrivato l’uomo, che, già da lontano, ha iniziato ad insultare gli agenti, poi ha colpito con calci e pugni i due poliziotti che cercavano di fermarlo; la furia dell’uomo è stata vinta, senza ulteriori conseguenze per nessuno, usando lo spray “al peperoncino” in dotazione alla polizia. L’uomo ha continuato però a colpire le auto della polizia e, dentro gli uffici del commissariato Esposizione, ha cercato di auto-lesionarsi. Gli agenti del Reparto Volanti e del commissariato Tor Carbone hanno accertato che nell’appartamento c’era un altro cagnolino della stessa razza. I motivi del gesto sono ora al vaglio degli investigatori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 20 aprile 2018

    Mi spiegate perché un membro delle forze del ordine(poliziotto) non può usare la sua arma da fuoco per difendersi??

  • lamberto lari 20 aprile 2018

    Per chi tortura e uccide o infligge sofferenze atroci agli animali, nella fattispecie a quelli protetti e da affezione devono essere giudicati del pari ai reati commessi verso un altro essere umano

  • bonifacio 19 aprile 2018

    c’è un detto che dice seta setaccio quello che fai ti faccio, in poche parole bisogna far provare al quel genitore (st…..) la brezza del volo basta buttarlo dal settimo piano.

  • fred3000 19 aprile 2018

    Quest’uomo NON merita di essere padre.

  • In evidenza