Di Maio in preda al delirio di onnipotenza. La profezia dello psicanalista Recalcati

sabato 28 aprile 11:37 - di Redazione

Il trasformismo di Luigi Di Maio è ormai sotto gli occhi di tutti, soprattutto dei suoi elettori. Da ultimo il capo politico dei Cinquestelle, pur di saldare una parte del Pd al suo gioco di potere, ha anche ritirato fuori il tema del conflitto di interessi da risolvere. Un ghiotto boccone offerto alla sinistra antiberlusconiana. Ma da dove provengono le sue continue giravolte? Può essere utile analizzare la questione dal punto di vista psicanalitico piuttosto che da quello politico. Magari rileggendo una frase di Massimo Recalcati. Si tratta di considerazioni che risalgono alla fine di febbraio e con le quali lo psicanalista commentava la scelta di Di Maio di accettare la candidatura a premier del M5S. Sintomo di un’ “onnipotenza maniacale”, appunto, che trova conferma nell’ostinazione di cui ha dato prova nelle ultime settimane: “Il mio mestiere di psicoanalista – affermava Recalcati – mi impone una domanda. Non quella consueta che da più parti viene rivolta a Di Maio, ovvero: come può un soggetto che non ha maturato nella sua vita competenze specifiche su nulla, che non ha mai lavorato in una istituzione, che non ha mai avuto incarichi di governo (di una azienda, di una città, di una qualunque cosa pubblica) essere candidato alla guida di un Paese di sessanta milioni di abitanti? La mia domanda è un’altra e tocca un piano più pulsionale. Quale assenza di giudizio critico su se stessi comporta l’aver accettato questa candidatura? Lo sgomento di fronte all’ipotesi di Di Maio premier non è per me tanto relativo alla sua incompetenza tecnica, quanto al gesto personalissimo dell’aver accettato questa investitura. Quanti accetterebbero un incarico di questa rilevanza senza avere la più pallida idea di cosa significhi governare la cosa pubblica? È questa assenza di consapevolezza dei propri limiti che fa davvero tremare i polsi. È il polo chiaramente maniacale o, se si preferisce, puramente adolescenziale del M5S. Un fantasma di onnipotenza e di purezza totalmente sganciato dalla realtà. Mi chiedo: ma avrà avuto o avrà almeno una crisi di panico, un momento di vertigine o di angoscia? Glielo auguro perché sarebbe il segno che quell’onnipotenza maniacale che egli, così diverso nel sembiante, sembra aver ereditato dal suo fondatore, in realtà, non lo assorbe integralmente“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Maria Leone 2 maggio 2018

    Sapete che vi dico: Vi meritate tutta la.classe politica che ci ha ridotti in miseria!!!Anzi spero che riducano l’Italia una ciabatta anziché lo stivale!!????

  • Mauro 30 aprile 2018

    Non mi va di parlare di bimbo minchia! Il reddito di cittadinanza che molti dicono sia impraticabile, ritengo invece sia ormai necessario! Causa i molti posti di lavoro occupati ormai da immigrati europei dell’est e immigrati del nord Africa e Oriente, causando una disoccupazione superiore al 10% e con percentuali ancor maggiori per laureati etc., è giusto che i nostri disoccupati possano godere di un minimo di reddito per la loro sopravivenza. E tale reddito dovrà essere ancor maggiore se il disoccupato ha figli da mantenere.

  • Romano 30 aprile 2018

    Manderesti Voi un Di Maio a rappresentare l’Italia con Trump, con la Merkel, con Macron, con la May, con Putin ecc… Che Dio ce ne scampi e liberi!

    • Maria Rosaria 30 aprile 2018

      Non sarebbe forse meglio rimandare a casa tutti i clandestini e dare lavoro agli italiani? Con i soldi che le cooperative pappano si potrebbero aiutare molte famiglie ITALIANE che vivono al di sotto della soglia di povertà. Altro che reddito di cittadinanza.

      • Luisa zani 1 maggio 2018

        A parte che potremmo per cominciare andarcene noi dall’ Africa che stiamo depredando da secoli ma anche posto che la soluzione sia cacciare gli immigrati come si fa? Cosa hanno fatto la lega e Berlusconi al governo? Gran sanatorie e nessun rimpatrio
        Si e’ chiesta perché? Chiacchierare e fare promesse a vanvera e’ facile oltre che da imbroglioni

  • Antonio 29 aprile 2018

    Il comportamento schizzofrenico di Di Maio è sotto gli occhi di tutti e non abbisogna di ulteriori commenti, ma di una lunga serie di sedute dallo psicanalista o, meglio, dallo psichiatra. La cosa importante è far capire agli elettori grillini che il reddito di cittadinanza è una bufala insostenibile, impossibile e, addirittura, controproducente, perché peggiorerebbe la situazione economica facendo mancare le risorse per aiutare chi si trova in difficoltà economiche

  • giulio 29 aprile 2018

    Per la verità c’è già stato un “soggetto che non ha maturato nella sua vita competenze specifiche su nulla, che non ha mai lavorato in una istituzione, che non ha mai avuto incarichi di governo (di una azienda, di una città, di una qualunque cosa pubblica)” e fu “candidato alla guida di un Paese di 90 milioni di abitanti” anzi ne divenne il fuhrer, e lo condusse alla distruzione totale.

  • amerigo 29 aprile 2018

    Di Maio è un guaglione pericoloso, per sé e per gli altri, almeno quanto un bambino che riesce a trovare la pistola del padre con la pallottola in canna . . .Fate voi. . .

  • F Gregg Meagher 29 aprile 2018

    “La profezia dello psicanalista Recalcati” Ovviamente anche la Recalcati non ha raggiunto la motivazione indietro i cambiamenti (intenzionali e ben guidati) da parte di Di Maio e anche altri nel Santo ed Occulto Gioco dei politici coinvolti con la partita di scacchi fatali interno di un governo che opera solo su una autorità fantasmatica e paura da parte dei servi / elettori – pecore a confrontare la stessa pazzia che loro stessi hanno seguiti. Non è un Di Maio o una Salvini, ecc. che deve essere messi solo l’esame delle mente, ma invece il ‘popolo’ (umana) che lascia i geni che guidano una Di Maio o Salvini o ecc. continuare con un sterminio, in ogni senso della parola ed in ogni settore della vita, ben definito e predicato come “Il Nuovo Ordine Mondiale” o, siccome la Massoneria e i Re del Bilderberg che, insieme con Soros e Rothschild, hanno costruito e gestiscono loro servi patetici (Prodi, Monti, Matterella, Letta, Grillo, Di Maio, Salvini, ecc.) dichiarano apertamente che loro ‘Dio’ è Luicfero > il “Regno di Lucifero”. Una analista o psicoanalista senza la conoscenza dei fatti indiscutibili e conosciuti a livello mondiale non deve profetizzare!

    • Mario TALLARICO 29 aprile 2018

      Ma io non do la colpa a lui, ma a chi gli ha consentito di entrare in politica (Grillo cri..cri).- Avremo un “bamboccione al governo.-
      Mario TALLARICO

    • Daniela 3 maggio 2018

      Gregg Meagher, mi può spiegare quello che ha scritto? Oppure si è divertito a mettere le parole una dopo l’altra, aprendo a caso il vocabolario?

  • Gabriele Pellegrini 29 aprile 2018

    …io credo che la fine del M5S sia iniziata nel momento in cui di un bluff ne hanno fatto il loro cavallo di battaglia ( parlo del reddito di cittadinanza); le persone che hanno abboccato all’amo difficilmente lo voteranno ancora, Il grande bluff iniziò come una iniziativa di marketing di ampio respiro da parte di Casaleggio; ora chi tiene ancora i fili dei burattini viene sconfessato sempre di più da chi aveva trovato del vero nei motivi di protesta sociale cavalcati all’inizio. Basti vedere la fine delle poche persone valide all’interno del Movimento, colpevoli di essere dissenzienti. Non dimentichiamo inoltre, che l’art. 38 della Costituzione Italiana dovrebbe garantire tutto quello che stanno ancora promettendo. Ma conoscono la nostra Costituzione?

  • paolo 29 aprile 2018

    La scelta del voto deriva esclusivamente per accedere al reddito di cittadinanza, ma ormai hanno capito tutti il bluff

  • Gaetano Bruno 29 aprile 2018

    La psicanalisi poteva esprimersi anche per il “capriccioso” Renzi. La pericolosità dell’onnipotenza riporta a momenti tragici( ora diversamente rappresentati, ma egualmente della stessa gravità e pericolosità).Grazie

    • Claudio Pandolfi 29 aprile 2018

      conosco bene la capacità e la competenza professionale di Recalcati.
      Mi sembra che abbia perfettamente azzeccato il problema Di Maio.
      Questo vale per tutti i grillini perché il loro stesso capo fa la morale essendo lui stesso un pregiudicato per un fatto molto grave. E’ la situazione classica del pifferaio magico

  • Giorgio Maurizio 29 aprile 2018

    Quest è quello che succede quando la gente è accecata dalla rabbia, rabbia di un Governo che manda allo sfascio un paese, rabbia di una classe politica lontana dalla realtà, che vive in un suo mondo parallelo.
    Milioni di Italiani hanno fatto un semplice voto di protesta, senza pensare che a protestare a vanvera su tutto non è costruttivo, mai pensavano di trovarsi di fronte a ciò che è successo; e adesso come diceva il povero Lino Banfi: “sono chezzi amari”!

  • Angela 29 aprile 2018

    Lo psicoanalista ha ragione,anche io penso che Di Maio completamente privo di cultura politica si ostini come un bimbo capriccioso a voler giocare a fare un lavoro che per lui e per noi sarebbe sicuramente un disastro…Come si può affidare il destino del Paese ad un incompetente?ma la gente che lo ha votato si è resa conto in quale disastro si andava ad infilarsi? Gli unici che potrebbero salvare l”Italia sono Salvini e Meloni ridandole sicurezza e credibilità anche a livello internazionale.

    • Claudio 30 aprile 2018

      Ma perchè “povero” Lino Banfi ? Non credo abbia problemi economici e, riguardo il termine gentile per definire una persona scomparsa, per sua fortuna ed anche la nostra, visto che un bravo attore, c’è da dire che è ancora vivo e vegeto.

  • Aldo Barbaro 29 aprile 2018

    La scelta del M5 stelle è stata la reazione non ponderata degli italiani allo scempio dei vari politici (Berlusconi e soci, D’Alema e Soci) ecc. che hanno per anni dissanguato il popolo italiano con promesse mai mantenute! Oggi, dopo quanto constatato purtroppo i 5 Stelle si sono dimostrati
    incapaci ed inconcludenti. Bisogna tornare al voto e rivalutare con attenzione i pochi veri politici
    ancora affidabili!

  • lucio 29 aprile 2018

    Lui non ha colpa ( si fa per dire)…..ma gli 11 milioni che l’hanno votato dove erano??? poveretti, vedrete la fine che vi e ci fanno fare questi s*****!!!!!

  • marco 29 aprile 2018

    ma se io scrivo un coomento e voi lo annullate che loscrivo a fare?

  • marco 29 aprile 2018

    resto basito, chiedo, come si può mettere da parte il centro destra ? che è la coalizione di maggioranza? perchè Mattarella non offre il mandato a Salvini?

  • marco 29 aprile 2018

    condivido questi pensieri, il Gigino crede di essere uno statista, poverino, si atteggia a capo della nazione, è non si rende conto cosa vuol dire. Ma da dove è venuto fuori? chi lo protegge? a chi da conto? a Grillo, a Casaleggio? chi, è cosa ha alle spalle? questo preoccupa me e credo gli italiani

  • enrica parri 29 aprile 2018

    Gemello di Renzi!

  • Roberto, 29 aprile 2018

    Ma gente chi è DI Maio ? Il nulla politico esperienza zero che ne sa del mondo del lavoro sanità pressione fiscale debito pubblico istruzione ecc ecc. Ma nei rapporti con i paesi dell’euro moneta che garanzia ci dà un ragazzino incompetente lo vedete vicino alla Merkel se lo mangia a colazione povera Italia siamo alla frutta
    Roberto

  • Claudio Manzari 29 aprile 2018

    …Ma, un momento!.. da elettore di Dx, avverto: qui, concentrandoci su un personaggio, rischiamo di fare come il tizio che, quando gli viene indicata la Luna, osserva il dito!
    Ci stiamo dimenticando cos’è, alla radice, che ha determinato – non dico l’odierno successo, ma – l’originaria genesi del M5S? E’ stata l’incontenibile, sacrosanta rabbia popolare per il malgoverno, la corruzione, i personalismi, gli inciuci, il volta-gabban-ismo, i tradimenti della volontà popolare che hanno caratterizzato – dall’Unità d’Italia ad oggi (eccezion fatta per il ventennio) – i cd. “professionisti della politica”: tutti venduti ad inconfessabili interessi (da massoneria a banche), nessun patriota fra loro.
    Quindi: essi hanno tradito; i “tecnici” (Monti, Letta) ci hanno venduti all’Europa della Finanza… e ci meravigliamo se gli italiani hanno giocato l’ultima disperata carta del movimento protestatario??..
    Fallita anche questa, non rimarrebbe che la Giunta dei Colonnelli.

  • donato antonio fulvio ladik 29 aprile 2018

    Condividero’ questo articolo con la speranza che chi lo leggera’ riesca a capire il pericolo che sta correndo l’ Italia.

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 29 aprile 2018

    Di Maio? Chi era costui? Forse il personaggio dimentica che Cesare fu pugnalato a morte, Napoleone fu relegato prima all’Isola d’Elba, poi a S. Elena, Mussolini prima dimissionato dal Re fino a Campo Imperatore, per poi finire come finí. Forse aspira a Piazza Loreto? Lo si accontenti pure, anzi, troppo onore!
    Mario Salvatore Manca

  • Plinio 29 aprile 2018

    Non succederà almeno me lo auguro, che diventi premier,ma se così fosse la prima volta che va ad una riunione di ” grandi ” se lo mangiano in un boccone.

  • Domenico 29 aprile 2018

    Ma voi che non avete competenze politiche come fate a giudicare un movimento che non ha mai governato?

  • 28 aprile 2018

    come può il nulla avere consapevolezza della sua nullità , pertanto l’idiota bibitaro continua a sbattere nei muri come quelle macchini giocattolo di 50 anni fa che quando urtavano un ostacolo continuavano a girare su stesse finchè non sbattevano in un altro ostacolo . er bibibitaro il nulla con ilbuco intorno

  • Antonio 28 aprile 2018

    Purtroppo la verita’ e’ che 11 milioni di elettori gli hanno dato il voto, nonostante l’aver notarto che era un ragazzino presuntuoso

    • giorgio 29 aprile 2018

      gli hanno dato il voto perché semplicemente ha promesso l’improponibile, leggi reddito di cittadinanza,alias assistenzialismo, alias ti regalo un po’ di soldi e tu te ne stai a non fare un emerito c…….., ben sapendo che non trovera’ mai quei danari, vista anche la situazione italica di debito pubblico. Debito pubblico che, e’ sempre bene ricordare, e’ stato creato nel tempo anche e soprattutto grazie a chi ci ha governato, dalla prima alla seconda Repubblica, ed anche grazie a certi sindacati non tutti baciati dalla ragione e dal raziocinio, della serie tanto peggio tanto meglio. “Giggino”detto Di Maio cambia programma ad ogni pie’ sospinto a seconda della convenienza, vuoi rosso? ti do rosso, vuoi giallo? ti do giallo.Ma non e’ solo, assieme a lui tutti i suoi sodali. La base? sino ad ora non e’ pervenuta. La sua collega Taverna, un tempo molto critica e battagliera, ora… “flat on the floor”.

  • Riccardo 28 aprile 2018

    Nei confronti di Di Maio provo un senso di pena ed affettuosa simpatia perché mi sembra un bambino a cui gli sono stati affidati dei compiti più grandi di lui ma che, per non deludere i genitori, fa vedere di esserne all’ altezza. La cosa grave è che questo non è un gioco e qui di mezzo ci sta andando l’Italia!

  • Enzo Gallo 28 aprile 2018

    Probabilmente l’hanno affidato ad un tuo collega…

  • Giuseppe Tolu 28 aprile 2018

    Arrogante e presuntuoso somaro, ti si stanno aprendo molte porte, vai bello, molti locali pubblici ti aspettano, le porte ti si spalancheranno come per magia; e non di certo quelle di Mediaset, di quelle non sei degno!

    • Francesco 28 aprile 2018

      Grazie alla sua arte di potere e non del sapere, grazie a lui assisteremo con buona pace di tutti all”autodistruzione del M5S che si abbraccia col PD.
      L base è un rivolta, ma credo che sarebbe stata la stessa cosa ci la Lega, ma non essendo Salvini uno sbarbatello lo ha manovrato fino a fargli perdere il senno………..

      • Rita Daina Andreetto 29 aprile 2018

        Grande!?

    In evidenza