Csm, Rampelli: «Ecco perché voteremo Orrù, magistrato onorario»

mercoledì 18 aprile 13:07 - di Redazione

«Fratelli d’Italia oggi non voterà scheda bianca per la sostituzione al Csm degli avvocati Maria Alberti Casellati e Pierpaolo Zanettin, eletti rispettivamente al Senato e alla Camera. Il candidato che sosteniamo è Raimondo Orrù, presidente nazionale di FederMot, l’organismo che raggruppa i magistrati onorari». Lo ha annunciato Fabio Rampelli in un comunicato in cui rivendica la scelta voluta per esprimere vicinanza a questa categoria.

Rampelli: per il Csm voteremo un magistrato onorario

«La magistratura onoraria è protagonista di una percentuale altissima di processi i cui reati incidono sulla vita del cittadino: furti in abitazione, truffe, lesioni, appropriazioni indebite. Senza i viceprocuratori onorari e i magistrati onorari la giustizia italiana entrerebbe in una crisi irreversibile. Eppure – aggiunge il capogruppo di Fratelli d’Italia a Montecitorio –  sono precari, veri e propri “schiavi di Stato”, privi di tutele previdenziali e assistenziali. Riteniamo indispensabile conferire loro la legittima stabilizzazione richiesta, per garantire professionalità e celerità alla giustizia italiana». La presenza di un giudice onorario tra i componenti del Consiglio superiore della magistratura – conclude Rampelli – rafforzerebbe il ruolo e l’autorevolezza di questa categoria, fin qui sfruttata dallo Stato e accelererebbe la definizione di tale anomalia». «Si tratta di una scelta coerente – aggiunge Giorgia Meloni –  con le battaglie che Fratelli d’Italia conduce da anni in difesa di una categoria di lavoratori senza tutele, mortificata dalla sinistra e dal ministro Orlando ma che è determinante per il funzionamento della giustizia italiana».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GIOVANNI TAGLIAFERRI 19 aprile 2018

    Bravo Rampelli, i VPO sono una categoria benemerita, sfruttata e maltrattata da tutti i governi. Sarebbe ora di una degna collocazione nei quadri della magistratura effettiva!

  • In evidenza