Arrestato un richiedente asilo: stava preparando un attentato in Italia

giovedì 26 aprile 17:19 - di Gianluca Corrente

L’allarme Isis è altissimo. Un richiedente asilo, Alagie Touray, è finito in manette. L’accusa è grave: stava progettando un attentato in Italia. L’uomo, originario del Gambia, è stato arrestato all’uscita della moschea di Licola, in provincia di Napoli. Il tutto è avvenuto nel corso di un’operazione congiunta di Digos e Ros per il reato di terrorismo internazionale di matrice islamica. A quanto si è appreso dalle indagini coordinate dalla Procura sarebbe emerso il progetto di un attentato. Il migrante aveva chiesto asilo politico ma la pratica per la concessione era ancora in valutazione. Durante la perquisizione nella sua abitazione – secondo quanto si apprende dalle prime notizie – è stato trovato materiale ritenuto «di grande interesse» da parte degli investigatori.

Touray avrebbe giurato fedeltà all’Isis. Il ragazzo, 21 anni, era sbarcato a Messina con altre centinaia di migranti il 22 marzo 2017. Da un anno risiedeva a Pozzuoli. L’uomo avrebbe ammesso di aver ricevuto la richiesta tramite il social network Telegram di lanciarsi con un’auto sulla folla ma avrebbe aggiunto di non aver mai avuto intenzione di farlo davvero. A suo carico c’è, tra l’altro, il video in cui il giovane giura fedeltà al califfo Al Baghdadi. È stato pubblicato su Telegram.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mino 26 aprile 2018

    NIENTE CARCERE!!!!!!!!!!!!!!! L’antiterrorismo italiano dovrebbe solo notificare al soggetto in questione un decreto di espulsione immediata nei seguenti modi:
    1)Notifica del decreto di espulsione con conferenza stampa
    2)Spremitura(con il dovuto riserbo) con tutti i mezzi a disposizioni dei servizi per farsi raccontare tutto su eventuali complici ecc.ecc.
    3)Eliminazione fisica non importa come del figlio di puttana in modo che si possa tranquillamente sostenere non avendolo più tra i piedi che il signor Alagie Touray ha rispettoso delle nostre leggi, ottemperato ha ottemperato al decreto d’espulsione e ci ha abbandonati.(NATURALMENTE QUANTO SOPRA DOVREBBE VALERE PER TUTTI I CASI SIMILI CHE DOVREBBERO RIPETERSI IN FUTURO).

  • In evidenza

    contatore di accessi