25 aprile 2018: esterna Roberto Fico, ma pare di sentire Laura Boldrini

mercoledì 25 aprile 12:15 - di Ezio Miles

Roma, 25 aprile 2018: è la prima “Liberazione” con un grillino al vertice delle istituzioni. E non c’è alcuno strappo,  alcuna discontinuità  con la retorica del passato. Esterna il neopresidente della Camera, Roberto Fico, ma sembra di sentire Laura Boldrini. “La Resistenza – dice Fico – rappresenta per tutti noi  un punto di riferimento irrinunciabile nella vita democratica del  Paese: è in questa pagina fondamentale della nostra storia che ogni  cittadino italiano può infatti ritrovare le radici della Repubblica e  della Carta costituzionale”. Tutto pare immobile, come se in questi 73 anni che ci separano dal 1945 non fosse accaduto nulla in Italia.  “Il 25 aprile – insiste Fico – è una data molto importante per la nostra comunità di  cittadini – ricorda Fico – . Il giorno in cui rendere il doveroso  omaggio alle donne e agli uomini che offrirono la propria vita per la  liberazione dell’Italia dall’occupante tedesco e per la riconquista  della libertà e della democrazia dopo la dolorosa fase del  nazifascismo”.

La retorica resistenziale di Di Maio

Il fatto è che il M5S , entità ideologicamente magmatica e informe, assume di volta in volta  le sembianze del suo interlocutore di turno. E in questi giorni  l’interlocutore è l’antifascistissimo Pd. Ecco quindi che il “boldriniano” Fico è superato in retorica resistenziale da Luigi Di Maio , impegnato nello scambio di amorosi sensi con Martina: “Buon 25 aprile a tutti! 73 anni fa donne e uomini di idee diverse sconfissero insieme la dittatura nazifascista e costruirono per l’Italia un futuro di pace e democrazia. Furono le  madri e i padri della nostra Costituzione, faro di ogni nostra scelta  politica”.  Un vero Zelig.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GENNARO TERMINE 26 aprile 2018

    COMINCIANO A NAUSEARE E FORTEMENTE ANCHE ‘STI GRILLINI !!!! POVERA ITALIA !!!

  • giancarlo 26 aprile 2018

    Quanto tocchera’ attendere per che la storia abbia il sopravvento su tuttte le porcherie festeggiate il 25 aprile . Io festeggio S. Marco e ci vorra’ un po’ di tempo per lavare dagli schizzi di m…. piovuti su Littoria il 25 , festa della invasione jankee e della coca cola, altro che partigiani, assassini.

  • Pompeo 26 aprile 2018

    Immensa e ‘ stata la mia desolazione nel vedere che in questi cortei,celebrativi del trionfo della menzogna,sfilano cantando suonando e ballando tanti ragazzi,evidentemente nessuno a loro spiegato che non si andava ad un rav party e che era meglio dedicare il loro tempo allo studio non partigiano ma sereno della vera storia!!

  • Mauro 26 aprile 2018

    Ma finitela e la storia raccontatela tutta e per intero. L’Italia è stata liberata dal nazifascismo dagli americani ed suoi alleati; L’esercito italiano e fascista si squagliò come neve al sole e molti militari andarono a gonfiare i vari raggruppamenti partigiani, sopratutto al nord, dove gli alleati arrivarono successivamente. E’ verissimo che ci furono stragi di italiani da parte di nazisti in fuga verso il nord, verso l’Austria e la Germania, come violenze brutali verso gli italiani e sopratutto italiane nello sbarco degli alleati ad Anzio etc. Raccontatela tutta la storia non solo quello che vi piace ricordare.

  • alberto caioli 26 aprile 2018

    Ma tornate al vostro paese natio! Ma chi vi vuole sudici politicanti: sei come la boldrella! Volete fare i democristiani e non ne siete capaci! Però Mattarella mi sembra proprio fuori di testa: ma il voto del popolo lo avete pesticciato?

  • Fabio 26 aprile 2018

    Ma ci rendiamo conto che dovrebbe governare l’Italia ? Dove ti giri ti trovi comunisti e nessuno si rende conto che in Italia ci sono 7/8 milioni di italiani comunisti ? In Germania , in Francia oppure in America , il comunismo è bandito ed è per questo che sono forti mentre in Cina , è un accordo mondiale far vedere che i comunisti sono bravi , non è così , può reggere il capitalismo con l’idea Comunista di Marx ? Quindi e’ un accordo poiché sono un miliardo e mezzo di persone e se crollasse tutto , scoppierebbe la 3’ guerra mondiale ! Facile da capire

  • Rodolfo Ballardini 26 aprile 2018

    Le nuvole cariche di feci hanno scaricato il contenuto sul 25 aprile, ricorrenza da cancellare. Partigiani scomparsi, i nuovi resistenti sono afroislamici, filo arabi, antisemiti e anti Israele. Nipotini dei massacratori della malga Porzius, delle volanti rosse, del triangolo della morte. Che pena la marea di bandiere rosse e arabopalestinesi. Che vergogna la contestazione del sindaco di Trieste nella risiera di San Saba. I kompagni non si smentiscono.

  • Angela 26 aprile 2018

    Siamo caduti dalla padella alla brace…Fico è la versione femminile della Boldrini…peggio di così non poteva andare…ma perché hanno eletto proprio lui presidente della Camera? Non riesco a spiegarmelo…

  • ADRIANO AGOSTINI 26 aprile 2018

    Fico è il clone della Boldrini…con la barba.

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 26 aprile 2018

    Mi torna in mente un maresciallo napoleonico passato alla storia alla battaglia di Waterloo (18 giugno 1815) per una parola di cinque lettere divenuta ormai internazionale: M****!
    Mario Salvatore Manca

  • Tita presti 26 aprile 2018

    C’è un detto Bresciano che dice ” chi nas de soc el sa de legn ” e che tradotto suona piú o meno cosí ” chi nasce da un pezzo di pianta ha il sapore del legno”. L’interpretazione è chiara….. Spero solo che il presidente ci lasci andare a votare ( e non ci obblighi a un governo del Presidente).
    Dopo tutto anche il Presidente ha le stesse origini “sinistre”

  • Ferruccio Silvano Bravi 25 aprile 2018

    E’ la festività delle iene.
    Le quali sono tutte uguali.
    Nessuna mraviglia.se quando parla il Fico sembra di sentire la Boldra e viceversa.
    Viva l’Italia!
    E m**** ai ‘liberatori’ e ai comunisti sterminatori e ladri al loro servizio!

  • Francesco Ciccarelli 25 aprile 2018

    Discorsi superficiali e faziosi: nella «Resistenza» c’erano anche i comunisti, che non combattevano i Tedeschi, ma preparavano la dittatura sovietica e ammazzavano sia i Fascisti, veri e presunti, che gli appartenenti alle FF.AA. e gli altri partigiani!

  • Massimiliano 25 aprile 2018

    Buffoni…

  • In evidenza