Renzi apre la campagna elettorale: se il Pd vince farò il governo così…

sabato 14 ottobre 19:50 - di Redazione
renzi fincantieri

“Con questa legge elettorale, il leader del Pd è per statuto candidato premier del Pd. Questo punto non lo mettiamo in discussione”. Così il segretario del Pd, Matteo Renzi intervistato da Repubblica, rivendica il ruolo di candidato a Palazzo Chigi. Per Renzi il Rosatellum è “un passo avanti” di cui “non sono entusiasta, naturalmente, perché il 4 dicembre è stato sconfitto il nostro modello istituzionale e il ballottaggio, che garantiva la governabilità”. “Con la legge Rosato almeno ci sono i collegi – sottolinea il segretario dem – A me piacciono, anzi ne avrei voluti di più”.

Parlando del voto di fiducia Renzi ne rivendica la legittimità: “Parlare di forzatura democratica è inaccettabile. La fiducia è uno strumento democratico che permette di fare le leggi”. Guardando ai futuri schieramenti post voto Renzi spiega che il Pd ha quattro opzioni di fronte, partendo da “un baricentro forte: il Pd”: “Primo: il mondo centrista, dall’ex Scelta civica ad Ap, cattolici e moderati. Secondo: Forza Europa, i radicali, magari coinvolgendo anche personalità dell’ attuale governo. Terzo: la galassia ambientalista, a cominciare dai Verdi e dall’associazionismo. Quarto: un mondo di sinistra che, senza voler tirare la giacchetta a qualcuno, credo ci sarà. E in più la rete di alcuni sindaci”.

Infine, Renzi sostiene di non temere il prossimo voto amministrativo in Sicilia: “Per scegliere il segretario del Pd ci vogliono le primarie nazionali, non le regionali siciliane. Le abbiamo fate cinque mesi fa, sarebbe curioso se qualcuno volesse rifarle”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica