Aste, il “manoscritto ritrovato” di Mary Shelley resta a Firenze. Per 122mila euro

giovedì 12 ottobre 14:04 - di Redazione
mary shelley 2

È stato venduto all’asta per 100mila euro, cifra che con i diritti sale a 122mila, il manoscritto dell’unica favola per bambini della scrittrice inglese Mary Shelley (1797-1851), ritenuto disperso per 150 anni. Si tratta dell’autografo di Maurice, or the Fisher’s Cot (Maurice o La capanna del pescatore), scritto nel 1820.

Il manoscritto di Mary Shelley a un istituto privato di Firenze

L’autografo è stato battuto dalla Libreria antiquaria Gonnelli di Firenze, precisando che l’acquirente è un istituto culturale privato fiorentino che per il momento intende restare anonimo. Il manoscritto, composto di due fascicoli di 39 pagine scritte fronte-retro, racconta la storia di un bambino, Maurice, in cerca di una casa. I toni sono molto melanconici e focalizzati sul tema della perdita, soprattutto nel rapporto fra genitori e figli. Mary Shelley, famosa autrice di “Frankenstein”, scrisse la sua unica storia per bambini per Lauretta Tighe, figlia di George Tighe e di Lady Mountcashell (Margaret Jane King 1772-1835), in occasione del suo undicesimo compleanno. Ritenuto disperso per oltre un secolo e mezzo, nel 1997 il prezioso manoscritto venne ritrovato fortuitamente dagli eredi Tighe, nella villa della famiglia Cini a San Marcello Pistoiese, che l’hanno accuratamente conservato fino ai giorni d’oggi ed eccezionalmente proposto alla vendita con l’auspicio di una destinazione pubblica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica