Da non credere: la Coop sponsorizza la “pastasciutta antifascista”…

lunedì 10 Luglio 12:43 - di

Ogni anno l’Anpi ripropone la squallida ricetta della “pastasciutta antifascista” alle varie sagre paesane, ma questa ricetta in verità non ha mai sfondato. I nostalgici dell’Anpi si rifanno a un episodio che sarebbe avvenuto nel 1943, quando per festeggiare non si sa bene cosa, i partigiani portarono della pasta al burro in piazza, riscuotendo il successo della popolazione, che in quei tempi di guerra mangiava davvero poco. Ma la cosa triste è che queste mangiate si fanno nel nome dei fratelli Cervi, sette fratelli fucilati dai fascisti il 28 dicembre 1943 per rappresaglia. Il 14 dicembre infatti era stato assassinato dai partigiani a Cavriago il colonnello della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale Giovanni Fagiani, e fu ferita la figlia Vera, che rimase cieca. I capi del Partito fascista repubblicano riuscirono a evitare che i prigionieri, tra cui i fratelli Cervi, fossero passati per le armi dai fascisti più oltranzisti, e avvisarono che in caso di altre uccisioni sarebbe scattata la rappresaglia. Ma il 27 dicembre i partigiani uccisero il segretario comunale di Bagnolo in Piano Davide Onfiani, e la rappresaglia scattò. Ma, come dice sempre l’Anpi quando si tratta di uccisioni e stragi commesse dai partigiani, c’era la guerra, la rivoluzione travolge tutto. Certo, ma la guerra non c’era più, nel maggio 1945, quando i partigiani torturarono, percossero e uccisero i sette fratelli Govoni ad Argelato. La guerra era finita, ma i regolamenti di conti personali andavano avanti. Tornando alla pastasciutta antifascista, osserviamo che oltre all’Anpi, la kermesse è sponsorizzata dalla rossissima Coop, quella che assicura che nei suoi prodotti non c’è olio di palma ma che poi vende l’ottima Nutella. Lasciamo i morti in pace e non associamoli a queste pagliacciate, mangiate la vostra pastasciutta, ma senza aggettivo, la pastasciutta è italiana e basta. E speriamo che i nostri lettori abbiano il buon senso di preferire altri supermercati alla Coop.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *