Brunetta rovina alla Rai il successo di Sanremo: «Quanto costano le star?»

mercoledì 8 febbraio 16:52 - di Redazione

Altro che Sanremo con i suoi 11 milioni e passa di contatti. Altro che con il suo 50,3 per cento di share, che manco ai tempi del monopolio in bianco e nero…La Rai è sempre nell’occhio del ciclone. Una sorta di maledizione che avviluppa l’azienda di Viale Mazzini e che le impedisce persino di festeggiare. Mentre è infatti ancora tutto un rimbalzare di dati e cifre sul successo dell’esordio di Sanremo in formato grande alleanza tra Maria De Filippi (Mediaset) e Carlo Conti (Rai), questa volta ci pensa Renato Brunetta a vestire i panni del guastafeste e a riproporre con un’interrogazione al presidente della Commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, il grillino Roberto Fico, la storia della pubblicità dei compensi dei dei dipendenti e dei collaboratori, comprese le star, della Rai.

Interrogazione di Brunetta sui compensi

«Solo attraverso indiscrezioni di stampa – scrive Brunetta, capogruppo azzurro a Montecitorio – è possibile apprendere alcuni degli emolumenti milionari delle star della tv: il contratto in assoluto più ricco è quello di Antonella Clerici che lo scorso 18 ottobre avrebbe rinnovato l’esclusiva con la Rai, per il biennio settembre 2016-agosto 2018, a fronte di un compenso pari a 3 milioni di euro lordi; Flavio Insinna incasserebbe 1 milione e 420mila euro in un anno e Michele Santoro, per il suo ritorno in Rai, percepirebbe una retribuzione di 2 milioni e 700mila euro per tre programmi”.

Nel mirino la Clerici, Insinna e Santoro

Brunetta, dopo aver puntualmente elencato la legislazione vigente in materia, chiede di sapere «quali iniziative di propria competenza i vertici Rai intendano assumere al fine di rendere ufficialmente noti i compensi percepiti dai conduttori, giornalisti e dalle cosiddette star della tv in modo da applicare in maniera integrale il principio di trasparenza, così come previsto dalle disposizioni di legge».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza