Banda dell’acido: nuova condanna per Alexander Boettecher (23 anni)

30 Mar 2016 19:50 - di Carlo Marini

«Spero che non esca più di cella». È una delle prime battute di Stefano Savi, una delle vittime sfigurate con l’acido nelle aggressioni messe a segno da Alexander Boettcher e Martina Levato, subito dopo la lettura della sentenza di condanna a 23 anni per il broker disposta dal collegio dell’undicesima sezione penale. Savi ha aggiunto di essere «risollevato» per la condanna e ha detto: «L’importante è che abbiano stabilito chi è il colpevole. Se l’è cercata lui».  Il padre di Stefano, Alberto Savi, ha espresso soddisfazione per la condanna e ha voluto ringraziare «il pm e la Procura per il grandissimo lavoro fatto, perché mio figlio oggi ha avuto giustizia».

Banda dell’acido: è la seconda condanna

Il broker era già stato condannato lo scorso giugno a 14 anni per aver sfigurato Pietro Barbini. All’ex amante Martina Levato sono già stati inflitti 14 e 16 anni nei due processi sui blitz con l’acido. In sostanza, Alex è stato ritenuto colpevole dell’associazione per delinquere che avrebbe avuto come partecipi anche l’ex amante Martina Levato e il presunto basista Andrea Magnani, quest’ultimo già condannato a 9 anni e 4 mesi. La cosiddetta “banda dell’acido” avrebbe sfigurato Pietro Barbini (per questo caso il broker è già stato condannato a 14 anni), Stefano Savi e avrebbe tentato di sfregiare anche Giuliano Carparelli. Nell’associazione per delinquere, tra l’altro, rientra anche l’episodio del tentativo di evirazione ai danni di Antonio Margarito. I giudici hanno riconosciuto provvisionali di risarcimento a tutte le parti civili: 1,2 milioni di euro a Stefano Savi, 60 mila euro ciascuno al padre, alla madre e al fratello del ragazzo, 50 mila euro a Carparelli, 10 mila euro a Margarito e 45 mila euro all’Asl di Milano. Con la sentenza è caduta soltanto l’aggravante della crudeltà, che era già caduta nel processo abbreviato a carico di Martina e del presunto basista. Inoltre, i giudici hanno riqualificato una delle imputazioni “minori” contestate al broker, quella della presunta rapina del telefono di Carparelli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA