Caso Unicredit, il riesame dissequestra le carte di Palenzona

31 Ott 2015 12:44 - di Redazione
unicredit

Il tribunale del riesame di Firenze ha annullato i sequestri di documenti e atti nei confronti del vicepresidente di Unicredit Fabrizio Palenzona, indagato in una inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Firenze. Il sequestro era stato disposto ipotizzando i reati di associazione a delinquere con l’aggravante di aver favorito la mafia.

La bufera giudiziaria su Unicredit

Lo stesso tribunale del riesame ha invece confermato i sequestri relativi alla contestazione di appropriazione indebita nei confronti dell’imprenditore Andrea Bulgarella. La procura di Firenze, che coordina le indagini dei carabinieri del Ros, contesta a Palenzona di aver “aiutato” Bulgarella nel suo tentativo di rientrare da un debito da 60 milioni di euro con Unicredit. La contestazione relativa alla mafia è dovuta al fatto che Bulgarella è ritenuto dagli inquirenti vicino ad ambienti di Cosa nostra.

Le valutazioni del riesame

In fase di discussione al riesame i difensori di Palenzona, gli avvocati Massimo Dinoia e Nino D’Avirro, hanno sottolineato come il piano di rientro del gruppo Bulgarella non sia mai stato approvato da Unicredit. Una ricostruzione ritenuta valida dai giudici del riesame, secondo i quali, tra l’altro, lo stesso Bulgarella non avrebbe avuto rapporti con la mafia e, anzi, se ne sarebbe andato da Trapani, sua città d’origine, proprio per evitarli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA