Toti a tutto campo: “L’onda renziana è durata un solo anno”

martedì 2 giugno 7:08 - di Redazione

«Abbiamo dimostrato che unito, il centrodestra può essere una alternativa alla sinistra. L’onda renziana è durata un solo anno. La Lega? Non ne sono ostaggio ora ne lo sarò mai». Il suo successo ha rilanciato anche Berlusconi? «Ci ha detto “siete stati molto bravi” e che la Liguria è l’esempio di quello che va dicendo da mesi e cioè che i moderati devono trovare una ragione sociale comune e che quando si mettono insieme sono irresistibili». Professione Toscano, socialista in gioventù, giornalista a Mediaset, Giovanni Toti è stato direttore di Studio Aperto e del Tg4.

Intervistato da “La Stampa”, il neo-governatore della Liguria spiega il suo progetto: «Metter subito mano al piano delle infrastrutture, in stallo da dieci anni, a partire dal Terzo Valico». Il sistema di potere di Burlando è stato pervasivo, ma Toti dice di essere «contrario alle epurazioni, ai repulisti, detesto il termine rottamazione, soprattutto su base ideologica. Però una cosa sia chiara: qui si cambia passo. qui si accelera. Non minaccio nessuno, non è nel mio dna. Ma se qualcuno pensa di mettersi di traverso, anche e soprattutto nella sanità, sappia che lo prego di mettersi di lato».

Per Toti la priorità è rimettere in sicurezza il territorio

Le alluvioni della Liguria sono uno dei motivi su cui, con buona probabilità, è franata la candidatura di Raffaella Paita. Il problema è che, a Genova, le grandi opere sono appena ripartite e ci vorranno anni per concluderle. «Intanto, bisogna far procedere i lavori il più in fretta possibile, lavorando 24 ore su 24. Poi un buon inizio è la pulizia degli alvei, dal Magra al Roja», spiega Toti.

Toti dice stop ai migranti: “Problema di Roma”

La situazione sociale in regione è amplificata dalla crisi dell’occupazione. «Intanto diciamo subito stop all’arrivo dei migranti: non possono essere le regioni a risolvere i problemi di Roma. Poi l’occupazione. Servono ricette urgenti che vogliamo mettere in campo. La prima: accelerazione sulle infrastrutture la cui mancanza isola la regione, a partire dalla Gronda. La seconda: uno sportello”burocrazia zero”, super-semplificazione per tutte le imprese, che devono essere accolte a braccia aperte e non invece con diffidenza, quasi fossero nemiche. Terzo: riduzioni mirate d’imposta nei settori strategici, dalle start up alle ristrutturazioni. Poi privatizzazione dell’aeroporto, che può dare di più, molto di più, per il nostro turismo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi