Tasi, ecco le 10 città più tartassate: in cima Torino, Roma e Firenze

sabato 13 giugno 15:41 - di Guglielmo Federici

Il 16 giugno scatterà l’ora X per  il pagamento della Tasi, la tassa che include i balzelli sulla casa e i servizi comunali, una delle tasse più odiose per tante famiglie che vedono tassate le prime case. Mentre i cittadini si preparano a fare le file, dopo essere impazziti tra commercialisti e Caf, ecco, secondo lo studio del Servizio politiche territoriali della Uil, la top ten delle città dove si paga di più.

Torino – Il costo medio annuo sulla prima casa è di 403 euro. L’acconto sarà di 202 euro. Anche lo scorso anno fu la città più “spremuta”.

Roma –  Nella Capitale la quota annua Tasi è di 391 euro. A 196 euro ammonta l’acconto.

Siena –  A 356 euro ammonta la quota annua, mentre sarà di 178 euro l’acconto del 16 giugno.

Firenze – Il capoluogo toscano vede una quota annua di 346 euro e di 173 euro l’ammontare dell’acconto di giugno.

Genova – Appena un euro in meno rispetto a Firenze: 345 euro è il totale annuo della Tasi, 173 euro l’acconto.

Bari – È di 338 euro la base annua, di media, mentre a 169 euro ammonta l’anticipo da pagare a partire dal 16 giugno.

Bologna– I bolognesi pagano 331 euro l’anno per la Tasi e dovranno anticipare tra qualche giorno 166 euro.

Foggia – Sono 326 euro l’anno per i foggiani, con un anticipo di 163 euro.

Como -Ammontaa 321 euro la base annua, con un acconto di 161 euro.

Ancona – Chiude la classifica delle città più tartassate con 318 euro l’anno da pagare per la Tasi e 159 euro di acconto.

Le città dove si paga meno sono Asti, Ascoli Piceno, Crotone, Catanzaro, Cesena,  Treviso, Potenza, Matera, Cosenza,  Nuoro. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi