Un cinghiale uccide un pensionato, gli animalisti Lav: l’uomo se l’è cercata

sabato 30 maggio 16:39 - di Redazione

La notizia ha dell’inverosimile e ha fatto subito il giro web. Un uomo è stato ucciso da un cinghiale e gli animalisti hanno difeso il mammifero: «Il pensionato se l’è cercata». La storia risale alla scorsa settimana quando Severo Zatti, meccanico in pensione di Iseo, è morto dissanguato dopo essere stato aggredito e ferito alla coscia da un cinghiale. L’animale da tempo gli danneggiava l’orto e il pensionato esasperato aveva cercato di abbatterlo a colpi di fucile. Ma nonostante le ferite riportate il cinghiale ha caricato ripetutamente l’uomo che non è riuscito a chiedere aiuto ed è morto dissanguato nel terreno della sua cascina.

La Lav in difesa del cinghiale

Ora come si legge sul Corriere della Sera la Lega antivisezione si è schierata a favore del cinghiale. «Quel signore sapeva a cosa andava incontro. È come – ha detto Massimo Vitturi, responsabile settore Fauna selvatica della Lav – attraversare con il semaforo rosso». Poi, però imbarazzato ha corretto il tiro e ha detto: «Certo, mi dispiace che quel signore sia morto…». Dal canto suo, la referente bresciana della Lav, Laura Amoruso ha spiegato che  «il cinghiale, se non ha i piccoli, non è pericoloso e non attacca».  Secondo l’associazione proprio i cinghiali «sono vittime del mondo venatorio che li ha reintrodotti in zone dove non c’erano. Spesso sono comprati nell’Est Europa perché sono più grandi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi