La politica? È tutta una lotteria. Almeno se consideriamo che…

lunedì 6 gennaio 18:26 - di Aldo Di Lello

Matteo Renzi.  Una provocazione al giorno toglie il premier di torno.

Il nuovo che avanza. Il colpo di genio di Berlusconi: ha trasformato Dudù in un asso della comunicazione politica. Ma il Pd ha fatto di meglio: ha trasformato Marianna Madia in una economista.

L’ottimismo della volontà. Saccomanni dice che nel 2014 caleranno le tasse e che i tassi sui Btb scenderanno al 3%. Più ottimista di lui è Angelino Alfano: secondo lui,  l’Ncd supererà il 4%.

Lumbard. Dopo il disastro di Bossi e del Trota, i leghisti non sono ancora salvi. Al massimo sono Salvini.

Destini paralleli. Fassina s’è attaccato a un “chi”. E Alfano s’attacca al “quid”.

Parlamentari M5S. Sparano scemenze a raffica. Più che grillini, sembrano grilletti.

Danni collaterali. La “rivoluzione” di Papa Francesco sta rivitalizzando la Chiesa. Ma sta creando anche “mostri”: come Eugenio Scalfari teologo.

Enrico Letta. Il governo si rifonderà con un contratto: la politica passa dai notabili ai notai.

Cifre a confronto. Lo spread è sotto quota 200. Ma la paura degli italiani fa sempre 90.

Golpe immaginari. La fantasia complottista s’è ingentilita: una volta c’erano le sciabole, oggi bastano gli ermellini.

Leggi elettorali. Renzi ha calato il tris. E dalla Consulta s’aspetta il bis.

Leggi elettorali (che furono). Con il Porcellum, la politica italiana non ha prodotto grandi statisti ma ottimi salami.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza